Il Tribuno
  RSS Feed
"Il nostro Presidente non vuole dei leccapiedi. Ciò che vogliamo sono uomini indipendenti e integri che, una volta che avremo preso le nostre decisioni, concorderanno con ognuna di esse". Joseph Heller, "Gold" (1979)
 
   
Fedeli alla Linea - Una rubrica di Paolo Fedeli.
Raccolta di frasi a cura di Paolo Fedeli.

== FRASI 21 FEBBRAIO 2012 ==


"Casini aderisce solo a partiti che lui fonda e dove lui comanda"

on. Gianfranco Rotondi, Pdl

Il Giornale - 29/1/2012

===

"Bossi e' uno che non e' riuscito a diventare medico. Per lui la Lega e' la vita, rappresenta la sua pensione e sta cercando di difendersi da Maroni piu' che da Berlusconi"

"Il povero Alfano sara' pure una persona perbene che sa usare le posate per il pesce, ma senza il cavaliere dove cazzo va?"

"La differenza tra PdL e PD la fanno le coalizioni: la Lega da una parte Vendola dall'altra. Se c'eè Renzi potrei iscrivermi anch'io, potrei starci anch'io, perche' no?"

Vittorio Feltri

Il Fatto Quotidiano - 29/1/2012

====

"Tutti credono che grazie a Silvio sia diventato un milionario. E invece ho uno stipendio normale."

"E se mi avesse scoperto Mogol? Invece di massacrarmi, magari mi avrebbero osannato"

"Io non posso lavorare proprio in quanto amico di Silvio. Non mi invitano in tv, mi boicottano i concerti. Non mi fanno neppure reclamizzare l'ultimo disco scritto con Silvio"

Mariano Apicella, cantante

Il Giornale - 25/1/2012

====

"Mi sembra che lo Statuto dei Lavoratori faccia gli interessi del sindacato piu' che dei lavoratori"

"L'unico sistema e' eliminare l'articolo 18, lasciando le imprese libere di interrompere il rapporto di lavoro quando il lavoratore non e' piu' funzionale alla produzione"

Guidalberto Guidi, imprenditore

Quotidiano Nazionale - 24/1/2012

====

"Il vero giornalista e' il giornalista coraggioso"

"Da sempre tifo per l'abolizione del nostro Ordine, che non ha ragioni funzionali"

Giulio Anselmi, giornalista

Gli Altri - 20/1/2012

====

"Cambiano i governi ma nei ministeri, camerieri e chef rimangono gli stessi"

Sandro Parenzo, editore di Telelombardia

Corriere Sera, cronaca Milano - 27/1/2012

====

"Lascero' la direzione del Tg4 il 24 giugno, giorno del mio compleanno? Confermo. Pero' non ho detto di quale anno"

"Penso di concludere la mia direzione al Tg4 entro il 2012, e di iniziare una carriera politica nel 2013, anno di elezioni"

"Io fumavo 60 sigarette al giorno, e poi ho smesso.

Andavo al Casino' a giocare, e ho smesso. Mi ero ridotto a giocare e puntare alle agenzie della Snai, dove ho speso un sacco di soldi. E ho smeso. Non gioco piu' a niente. Sono un uomo virtuoso"

Emilio Fede, direttore Tg4

Italia Oggi - 17/2/2012

====

"Il potere offende chi non ce l'ha. Il posto fisso disturba chi non ce l'ha"

Enrico Bertolino, comico

Quotidiano Nazionale - 3/2/2012

===

"Il vero comunista deve capire l'essenza della lotta dei tassisti e dei piccoli commercianti"

"Pensi se ci fossero i comunisti alla testa della lotta dei tassisti. Pensi se ci fossero i comunisti a guidare la rivolta in Sicilia. Noi ci sentiamo piu' vicini ai siciliani che alla sinistra chic, quella col cachemirino"

Marco Rizzo, Comunisti-Sinistra Popolare

Il Giornale - 20/1/2012

====

"Mi chiamo Gianfranco Maris. E sono nato 3 volte:

La prima volta il 19 gennaio 1921, quando nacqui.

La seconda volta quando fui registrato all'anagrafe del Comune di Milano il 24 gennaio 1921.

La terza volta il 5 maggio 1945, quando vidi arrivare una camionetta con soldati americani al campo di concentramento di Gusen Mathausen"

Gianfranco Maris, avvocato, ex parlamentare

Il Mattino - 26/1/2012

====

 

 


Alberico Giostra
UNA MODESTA PROPOSTA, A SINISTRA DI VASTO.

Nel Pd c’è chi pensa di avere la vittoria alle prossime politiche già in tasca e distribuisce persino incarichi: Bersani premier, D’Alema in Europa, Franceschini segretario del partito, Veltroni presidente della Camera, Fioroni e Letta ministri. Speriamo che queste ipotesi siano il solito retroscena sballato perché se fosse vero che in un momento come questo a via del Nazareno c’è chi si preoccupa di come sistemare i baroni del partito, ci troveremmo di fronte ad un atto di demenziale irresponsabilità.


 

Il Tribuno