Il Tribuno
Fondatore: Alberico Giostra RSS Feed
"Il nostro Presidente non vuole dei leccapiedi. Ciò che vogliamo sono uomini indipendenti e integri che, una volta che avremo preso le nostre decisioni, concorderanno con ognuna di esse". Joseph Heller, "Gold" (1979)
 
News by Dire
Alberico Giostra 26 Gennaio 2012
IDV BASILICATA. PARLA MAZZEO CICCHETTI: DI PIETRO NON PUOI CONTINUARE A DECIDERE DA SOLO!
DURO ATTACCO A TUTTO CAMPO DEL CONSIGLIERE REGIONALE CHE AL TRIBUNO.COM ESTERNA LE SUE CRITICHE SU DEMOCRAZIA INTERNA, RIMPASTO REGIONALE, DOPPI INCARICHI, ASSUNZIONI CLIENTELARI E MANCATO APPOGGIO DEL PARTITO ALLA SUA BATTAGLIA CONTRO L'INQUINAMENTO IN LUCANIA. MAZZEO CHIEDE: IDV DA CHE PARTE STAI? DALLA PARTE DELLA LEGALITA' E DELLA TRASPARENZA O DEGLI INCIUCI CON IL PD?
In questa importante intervista che getta un sasso nella stagnante e ipocrita politica lucana, lo stimato medico potentino, cooptato da Belisario nel 2010 e già abbandonato al suo destino per l'eccessiva autonomia, torna a sottolineare la persistente schizofrenia dell'Idv che, a Montecitorio e nei salotti Tv, assume atteggiamenti da sinistra radicale e si scaglia contro la triade Pd-Pdl-Terzo polo, e poi a livello locale partecipa con questi partiti a operazioni di sottogoverno e malgoverno, vedi le assunzioni clientelari o i casi dell'inquinamento in val d'Agri e dell'inceneritore della Fiat di Melfi, insabbiati da organismi di controllo regionali e nella cui denuncia il partito ha lasciato solo Mazzeo.

Enrico Mazzeo Cicchetti, il centrosinistra in Basilicata è alle prese con un dibattito sul “rimpasto” della giunta regionale. Da cosa nasce la necessità di cambiare assessori?

Il rimpasto si è reso necessario dopo l’arresto dell’ex direttore dell’Arpab, (l’agenzia regionale per la protezione dell’ambiente, ndr.) Vincenzo Sigillito che, secondo la Procura di Potenza, ha occultato i dati dell’inquinamento in Basilicata. L’ex direttore dell’Arpab è stato poi intercettato mentre parlava con l’assessore alle attività produttive del Pd, Erminio Restaino, di interventi per condizionare le primarie del Pd. Restaino è indagato e questo ovviamente ha destato un certo imbarazzo ed un acceso dibattito nel Pd. Da qui la necessità di un rimpasto.

Lei in commissione ambiente ed in consiglio regionale ha denunciato le anomalie e contraddizioni della relazione dell’Arpab destando molte polemiche.

Sono stati presentati dati dall’Arpab e dalla Agribios, che è una partecipata regionale, pieni di incongruenze e tra loro in contraddizione. Pensi solo che nella relazione si legge che l’acqua del Fiume Agri presenta la stessa qualità sia a monte che a valle dell’impianto di depurazione! Allora a che serve questo impianto? Tanto vale toglierlo! L'Arpab ha rivelato che fino al 2009 ha effettuato saltuari controlli delle diossine, concordando i giorni delle misurazioni con Fenice. Ma è ovvio che la Fenice sapendo dei controlli quel giorno non avrà bruciato plastica ma solo carta, evitando di produrre diossine. Il direttore generale del dipartimento ambiente dal canto suo ha detto che i controlli sulla diossina li faceva direttamente la Fenice che poi provvedeva a comunicarli ad Arpab. Insomma il controllato che faceva il controllore!

Lei sulla questione del rimpasto è stato protagonista di una riunione del coordinamento regionale dell’Idv non proprio serena. 

Ho abbandonato la riunione dopo aver posto due temi politici. Primo: il programma politico con il quale abbiamo vinto le elezioni nel 2010 è ancora attuale? Secondo: a che punto è la realizzazione di questo programma? Possiamo sapere se stiamo raggiungendo con la giunta regionale gli obiettivi prefissateci? Non appena ho posto il tema dell'inopportunità politica dell'allargamento della maggioranza, mi è stato impedito di parlare. Durante i cinque minuti del mio intervento sono stato interrotto continuamente e allora me ne sono andato.

Chi la interrompeva?  

Componenti del materano, amici della coordinatrice regionale Rosa Mastrosimone, che è di Matera.

Perché la interrompevano? 

Perché, come dicevo, io e molti altri, riteniamo inopportuno l'allargamento della maggioranza ai centristi, perchè crediamo che si tratti di un'operazione di trasformismo. Ci sono tre consiglieri eletti con il centrodestra, uno dell’Mpa, un altro della lista di Magdi Allam e il terzo di una lista locale, che vogliono entrare in giunta, ma in campagna elettorale hanno sostenuto un programma in contrapposizione al nostro e su quello hanno ottenuto i voti. Al massimo possono entrare in maggioranza ma non in giunta.

La coordinatrice Idv Mastrosimone è favorevole all’ingresso dei centristi in giunta?

No, sembra essere contraria, ma nel partito accusano me ed un altro consigliere regionale, il capogruppo Idv Nicola Benedetto, di esternare troppe differenze rispetto al comportamento dell'esecutivo. In questo modo avremmo destabilizzato anche la giunta De Filippo e reso necessario l’allargamento al centro. Io a questa richiesta di uniformarsi e di essere affidabili replico: ma allora, se vedo dei dati palesemente sbagliati dell’Arpab, debbo stare zitto per salvare la maggioranza? Se vedo che l’occupazione nell’area delle estrazioni petrolifere non aumenta, debbo tacere per conservare L’assessore in Giunta?  

Nell’Idv si discute anche dei doppi incarichi. Rosa Mastrosimone è assessore alla formazione e coordinatrice regionale. Come sarà risolto questo problema?

Il problema è stato posto durante il coordinamento regionale dal consigliere Nicola Benedetto che ha detto: “Io debbo andare ad una riunione con gli altri partiti di maggioranza che hanno rimosso i doppi incarichi. Noi invece non l'abbiamo fatto. Come mi debbo comportare, che cosa andiamo a dire, siamo disponibili a rimuovere il nostro?” La Mastrosimone ha risposto che non c’è problema, che il presidente Antonio Di Pietro ha personalmente parlato con il presidente della Giunta Vito De Filippo e ha concordato che può mantenere il doppio incarico. Ogni volta che noi tocchiamo un nervo politico sensibile la risposta sbandierata dal segretario è: “ho sentito Di Pietro e mi ha detto che si fa così”. Ma noi non possiamo ragionare in questo modo in un partito con una parvenza di democrazia, delegittimando gli organismi territoriali eletti, su temi decisivi. Tuttavia credo che ci sia molto millantato credito, conoscendo la segretaria Mastrosimone.   

Di Pietro è favorevole al doppio incarico della Mastrosimone?

Cosi si erano pronunciati nel corso di una riunione tenuta qualche mese fa a Roma i suoi rappresentanti, Rota e Messina. Al momento non lo so perchè non ho notizia, quello che so è che nel frattempo gli altri partiti hanno rimosso i loro doppi incarichi e siamo rimasti l’unico partito ad averlo. In ogni caso il problema di fondo è che se Di Pietro avesse deciso in questo senso, avrebbe dovuto scegliere un modo più diretto per comunicarcelo, senza  ricorrere a un segretario-portavoce per farcelo sapere. Noi non siamo dei soldatini, vogliamo collaborare e partecipare alle decisioni che si adottano. Consideri che la Mastrosimone non è stata nemmeno eletta, fa l’assessore esterno e gli hanno attribuito pure la segreteria regionale, anche se con la mediazione di un congresso. Non si possono commissariare anche gli eletti in questo modo, noi rappresentiamo la popolazione. C’è poi un’altra questione.

Quale?

Quella delle assunzioni interinali a chiamata nominativa. Io ho condotto una battaglia contro questo tipo di assunzioni perché sono di natura clientelare e ho auspicato, insieme ad altri consiglieri regionali, la creazione di un percorso per stabilizzare attraverso dei concorsi i precari che lavorano in Regione. E mentre io facevo questa battaglia pubblica, nel dipartimento della Mastrosimone venivano assunti gli interinali, di cui alcuni chiaramente appartenenti all’area dell'Idv. Di questo hanno parlato i giornali locali e pare che ci sia anche una indagine della magistratura. Chiedere il silenzio su tutto ciò è veramente troppo. Inoltre voglio sottolineare che ho presentato anche una proposta di legge per rendere trasparenti i concorsi regionali. 

Mazzeo Cicchetti, lei sta denunciando assunzioni clientelari da parte della segretaria del suo partito nella regione dove la stessa fa l’assessore. Questo, conoscendo l’Idv, vuol dire che Lei è fuori del partito.

Vorrei che qualcuno da Roma mi dicesse se sono io  in linea con quello che il partito va dicendo a livello nazionale oppure la Mastrosimone. Non mi pare che il partito condivida di tacere sui dati incoerenti sull'inquinamento ambientale o sia a favore delle assunzioni per chiamata diretta. 

Lei pretende che da Roma ammettano che la Mastrosimone ha fatto assunzioni clientelari e magari la caccino anche? Forse Lei ha una visione un po’ troppo nobile della politica…

La ringrazio, ma vede, io ho bisogno di fare alcuni passaggi, debbo avere delle risposte su queste questioni, voglio sapere se ho sbagliato e dove ho sbagliato. So che la magistratura ha chiesto la trascrizione del dibattito tenutosi nella commissione ambiente in cui ho fatto notare le incongruenze dei dati Arpab. Vedremo quali saranno gli sviluppi.  

L’Idv l’ha ringraziata e sostenuta nelle sue denunce? 

Non abbastanza. Quando sono stato aggredito verbalmente dal presidente della giunta De Filippo, in commissione, nel partito nessuno mi ha difeso, tanto meno la segretaria regionale Mastrosimone, cui spettava farlo.  

E’ la conferma che Lei nell’Idv è ormai un corpo estraneo.

Mi rendo conto di essere circondato dal silenzio, ma io voglio costringerli a chiarire  le loro posizioni.

Il vero leader regionale, Felice Belisario, che cosa dice?

Lui non entra direttamente nelle questioni locali del partito, come se tutto fosse stato delegato alla Mastrosimone, ma Belisario fa parte dell'ufficio di presidenza ed è difficile sostenere che non condivida le decisioni assunte a Roma. Sul doppio incarico è d'accordo che è un motivo di debolezza per il partito, ma preferisce che la battaglia sia fatta in loco.  

In che senso il doppio incarico è un motivo di debolezza?

Nel senso che la Mastrosimone è politicamente ricattabile. Come segretario regionale non può assumere posizioni contrastanti con la giunta perché il presidente le può togliere l’assessorato e lei torna a fare l’insegnante, non torna in consiglio regionale, non essendo stata eletta ed essendo un assessore esterno. E' un fatto ovvio ed è sotto gli occhi di tutti e riduce il partito ad un ruolo subalterno. Questo problema lo abbiamo rappresentato con una delegazione anche ai responsabili del partito a Roma.   

Come finirà la vicenda del rimpasto?  

Probabilmente la Mastrosimone resterà assessore. A Roma i vertici del partito sono in contatto solo con Lei e ascoltano solo la sua versione dei fatti. Non hanno mai preso in considerazione la possibilità di ascoltare seriamente anche altri esponenti lucani del partito. E poi perché Belisario in questa storia credo che ci stia giocando un pò, con un ruolo che mi sembra non ben definito.   

Alberico Giostra

Avvertenza. Tutti i commenti inviati consentono di risalire all'autore, pertanto chi utilizza questo spazio si assumerà la piena responsabilità civile e penale delle proprie affermazioni.
Commenti
Lino Telesca 2012-01-27 23:56:33

La cosa più difficile da praticare nei partiti è stata ed è la democrazia interna. Il cesarismo è sempre stato la vera pecca dei politici, condottieri che vorrebbero militanti attendenti e non teste pensanti. Di Pietro all'inizio per prendere voti non aveva altri strumenti che cooptare personaggi vari che avevano una credibilità sul territorio senza andare troppo per il sottile sulla qualità politica, con l'attenzione però di gestire il partito in modo centrale e quasi dittatoriale. Ora è arrivato il momento di cambiare, fuori i prestanome i nani e ballerine che erano stati cooptati e spazio a uomini e donne di valore. Niente più ipocrisie e tatticismi, il partito anche in Lucania decida finalmente di fare POLITICA, proponendo e denunciando. Molti nel partito sono d'accordo su questa idea, è giunta l'ora di praticarla senza paure, non bisogna avere l'ansia di governo, i fatti, le idee e le battaglie ideali portano più consenso di un Assessorato o di un Sindaco, e quello che più conta il consenso lo si ottiene dagli uomini liberi, non da clienti e vassalli. Ma forse questo non piace a tutti.

NICOLA 1950 2012-01-27 13:25:43

Mastrosimone uguale Belisario uguale Di Pietro un comitato di pietre. Stimatissimo dr Cicchetti dove ti sei cacciato.!!!. Evangelicamente: perdonali perchè non sanno quello che fanno.

Anna R. G. Rivelli 2012-01-27 07:43:14

... e se per caso Niki Vendola dovesse passare da queste parti, può per caso spiegarci se, oltre a preoccuparsi del suo forbito parlare, si occupa anche di comprendere cosa succede davvero nei territori? La foto di Vasto sta assumendo il colore giallognolo di un ritratto da vecchio sepolcro. Dimmi con chi vai e ti dirò chi sei, Niki. Il tuo comunismo dove dannazione è finito?

Anna R. G. Rivelli 2012-01-27 07:38:23

http://vimeo.com/31651356

Al link qui sopra si può trovare il video dell'intervento del Dott. Mazzeo Cicchetti in Consiglio Regionale che particolarmente ha infastidito la politica lucana. Naturalmente l'IdV non si è schierato con il suo Consigliere, bensì con chi ha nascosto colpevolmente i dati dell'inquinamento, con le compagnie petrolifere che stanno martoriando il nostro territorio, con " l'assessore per caso" che dell'ambiente riesce solo a dire che i pesci nelle dighe sono sempre morti.
Di Pietro lo spieghi a tutti come la pensa in proposito, perché Belisario ( sua diretta emanazione) è ormai una pala eolica, gira al vento che tira cercando di sfruttarlo al massimo. Belisario sta con tutti e con nessuno; tutti dentro ( finché fanno comodo) e tutti fuori ( non appena fanno ombra ad interessi specifici).
Di Pietro lo spieghi con chi sta: con i cittadini che rivendicano i propri diritti o con i poteri che li calpestano? Con Mazzeo, insomma, o con chi nel suo partito pensa solo a salvare la sua poltrona?

astronik 2012-01-26 22:57:46

Credo che una persona onesta e seria come il Dr Cicchetti non debba attendere di essere "cacciata" , bene farebbe ad abbandonare lui quel covo di finti riformisti che si sono imbarcati in IDV!!!!!!!
Il Dr Cicchetti è uno dei pochi consiglieri regionali degni di rappresentare il popolo lucano, continui pure le sue battaglie, i lucani onesti apprezzeranno........

Vito C. 2012-01-26 22:21:42

Il dottor Mazzeo è persona assai stimata in regione per la sua professionalità e la sua umanità. Non meraviglierebbe quindi che lo facessero fuori. Nel partito preferiscono tenere fantocci.

 

Inserisci commento
Nome e cognome
Email (facoltativa)
Ripeti codice
Commento
Caratteri rimanenti: 3000

 


Bacheca
"ORLANDO NON SLOGGIA DALLA CAMERA" LA LETTERA DI PROTESTA DI VATINNO, IL SUO SUCCESSORE, USCITO DALL'IDV.
SONIA ALFANO NON E' PIU' UN'EUROPARLAMENTARE DEL'IDV.
IDV REGGIO. I PADRONI DEL PARTITO RIFIUTANO LE ISCRIZIONI DELLA SOCIETA' CIVILE E CHIEDONO RISARCIMENTI A MATTEO RIVA.
"LA MIA SQUALLIDA, NAUSEANTE, MORTIFICANTE ESPERIENZA IN IDV"


Rassegna stampa
BLOG. "CASALEGGIO-GRILLO, LA POLITICA COME GIOCO DI RUOLO, A LORO DELLA DEMOCRAZIA NON IMPORTA NULLA".
SONDAGGI. M5S PROMOSSI PER GUIDARE LE CITTA' MA NON IL PAESE. IL PD PRIMO PARTITO 27,56%.
SINDACO DIMEZZATO. PIZZAROTTI (PARMA) SI PIEGA A GRILLO: "TAVOLAZZI NON SARA' DIRETTORE GENERALE"
GRILLO: "SARDI, CACCIATE GLI INVASORI"... GRILLO PER PRIMO !!
SONIA ALFANO (Europarlamentare): "A ME L'IDV HA PREFERITO CHI INCONTRA I BOSS".

Fedeli alla linea

 

Il Tribuno - Libro di Alberico Giostra

Il Tribuno   Home | Politica | Politica locale | Editoriali | Interviste | Contact | Leggi e codici | Dizionario sinonimi | Ricette | News | Commenti | P.IVA: ftcrfl65m69f839j