Il Tribuno
Fondatore: Alberico Giostra RSS Feed
"Il nostro Presidente non vuole dei leccapiedi. Ciò che vogliamo sono uomini indipendenti e integri che, una volta che avremo preso le nostre decisioni, concorderanno con ognuna di esse". Joseph Heller, "Gold" (1979)
 
News by Dire
La Redazione 28 Agosto 2011
L'IDV DI TORINO E LE ILLUSIONI PERDUTE DI UN GIOVANE MILITANTE.
IL TRIBUNO.COM RICEVE E VOLENTIERI PUBBLICA QUESTO ROMANZO EPISTOLARE IN DUE BATTUTE CHE DIMOSTRA COME I PARTITI E DUNQUE ANCHE L'IDV, SONO RIMASTI QUELLO CHE ERANO AI TEMPI DI TANGENTOPOLI, OVVERO DELLE AGENZIE DI COLLOCAMENTO PER PRIVILEGIATI CHE SI MOSTRANO SERVILI E UBBIDIENTI, DOVE DOMINA INCONTRASTATO IL FAMILISMO E DOVE L'ULTIMA COSA CHE CONTA E' IL MERITO.
Rispetto a Tangentopoli la gravità del comportamento delle nuove caste è aggravata da una crisi di sistema ancor più devastante e che rende odiosi all'ennesima potenza i nuovi profittatori di regime. Negli anni ottanta almeno non c'erano tanti precari e la differenza di retribuzione tra un manager e un operaio era più sopportabile. Ma l'altro elemento riguarda l'Idv, il partito fondato dall'eroe di mani pulite, il giustiziere dei tangentari che ci ha fatto credere di essere un rimedio alle malattie della politica e col tempo si è rivelato esserne solo uno dei tanti sintomi. (foto: M.C. Spinosa, assessore Idv comune Torino)
LA PRIMA LETTERA

Salve. Sono un dirigente regionale dell'IdV del Piemonte ma per motivi di riservatezza preferisco non citare il mio nome. Vi sto scrivendo per esprimere lo sconcerto e, se mi passate il termine, lo schifo che moltissime persone che credono in Di Pietro e soci stanno vivendo a causa di comportamenti tutt'altro che nobili che alcuni eletti e nominati del Piemonte stanno portando avanti. 

Circa un mese e mezzo fa, Leandro Bracco, 34  enne che io stimo, giornalista professionista e che per circa sei mesi ha lavorato nella sede della provincia di Torino del partito, ha avuto il coraggio di mettere nero su bianco una lettera che ha inviato a tutti i parlamentari IdV e che per conoscenza ha mandato anche a me e ad altre persone tesserate nell'Italia dei Valori del Piemonte. 

Questa lettera, che trovate al termine di questa mail, e' densa di significato... Il concetto chiave riguarda il fatto che l'attuale assessore IdV della giunta Fassino ha nominato nel suo staff persone che non hanno nulla a che fare con i concetti del merito e della competenza. Lo stesso Bracco mi ha fatto sapere che a oggi non ha ricevuto nessun riscontro da parte dei capoccia romani. Per vs conoscenza vi dico che la mail che Bracco ha spedito a Roma era indirizzata a Ivan Rota in quanto lo stesso Rota, da gennaio scorso fino alle scorse amministrative, e' stato il commissario IdV del Piemonte. 

Vi chiedo la cortesia di dare il maggior risalto possibile alla notizia perche' e' veramente vergognoso che certi comportamenti, come quello dell'assessore Spinosa, non vengano puniti da Roma. Infine vi segnalo il fatto che fonti molto ben informate dicono che a breve il marito di Spinosa, Carmelo Vetriolo, verra' nominato nel lucroso cda della Gtt grazie agli intrallazzi che la stessa Spinosa sta portando avanti insieme al capogruppo IdV in consiglio comunale a Torino Giuseppe Sbriglio. Grazie x tutto quello che farete. Un dirigente schifato 

 LA LETTERA DI LEANDRO BRACCO ALL'ON. IVAN ROTA E A PARLAMENTARI E VERTICI DELL'IDV.

Buongiorno on. Rota, sono Leandro Bracco. Mi auguro che lei stia bene e che tutto sia ok. Le sto scrivendo questa mail per portare a sua conoscenza alcuni atteggiamenti e decisioni che a mio parere sono deleteri per quanto riguarda la realta’ torinese dell’IdV. Come lei sa, Mariacristina Spinosa, pur essendo arrivata terza in fatto di preferenze alle scorse amministrative di Torino dopo Giuseppe Sbriglio e Giovanni Porcino, e’ stata scelta da Fassino come assessore nella giunta da lui presieduta. Senza dubbio, l’imposizione che lo stesso Fassino ha fatto nei riguardi del nostro partito nel senso di proporre obbligatoriamente una donna per la formazione della sua squadra di governo, ha giovato solamente a Spinosa medesima. 

Mi ricordo molto bene infatti i discorsi che proprio lei, on. Rota, aveva fatto in piu’ occasioni nella sede di via Ormea quando aveva ribadito che la persona che avrebbe totalizzato piu’ preferenze rispetto alle altre sarebbe stata quella che avrebbe poi ricoperto il ruolo di assessore. E invece ci siamo dovuti piegare al diktat di Fassino e dunque Spinosa, pur avendo conquistato sul ca mpo la medaglia di bronzo in termini di preferenze, si e’ invece portata a casa quella del metallo piu’ pregiato. All’indomani della nomina di Mariacristina Spinosa come assessore, Nini Punzurudu e il direttivo cittadino avevano stabilito i criteri tramite i quali Spinosa stessa avrebbe nominato le 3 o 4 persone che avrebbe portato con se’ in assessorato. Una persona se la sarebbe scelta Spinosa medesima in base al requisito della fiducia mentre le altre 2 o 3 le avrebbe scelte in base a una rosa di nominativi che il partito le avrebbe fornito. Io conosco molto bene questi fatti in quanto all’epoca lavoravo ancora in via Ormea. Punzurudu ha ricevuto una quarantina di curricula di persone che si proponevano come staffisti. L’esecutivo cittadino si e’ riunito e ha stilato una sorta di classifica, dividendo tutti i curricula ricevuti in tre fasce: la fascia A era la migliore, la B quella intermedia e la C quella un po’ meno brillante. Io, insieme ad altre 4 o 5 persone, facevo parte della prima fascia.

Spinosa, che ha a disposizione per i suoi collaboratori un budget annuale lordo di 90.000 euro al pari di tutti gli altri assessori che compongono la giunta Fassino, ha totalmente ignorato le direttive di partito e ha nominato come staffisti in assessorato le seguenti tre persone (questi nominativi insieme alle rispettive remunerazioni lorde annue sono ufficiali in quanto mi sono stati forniti per iscritto da un funzionario del comune di Torino dopo mia richiesta scritta):

 Cristina Fontana, 4 ore di lavoro al giorno, trattamento fondamentale 13.282 euro piu’ indennita’ di 3.500 euro;            Giuseppe Libonati, 8 ore di lavoro al giorno, trattamento fondamentale 21.233 euro piu’ indennita’ di 15.000 euro;        Luisa Luise, 6 ore di lavoro al giorno, trattamento fondamentale 17.709 euro piu’ indennita’ di 10.000 euro. 

 Inoltre, non si sa bene per quale motivo ma comunque al termine di questa mail le forniro’ una spiegazione, Spinosa ha deciso di riservare un’indennita’ forfettaria di 9.000 euro a Sara Bellisai che e’ gia’ una dipendente comunale e che quindi non avrebbe avuto bisogno di un ulteriore “stipendio”. Nessuna delle tre persone sopra citate (Fontana, Libonati e Luise) aveva presentato il proprio curriculum inviandolo al direttivo cittadino. Inoltre porto a sua conoscenza il fatto che, ad esempio, Giuseppe Libonati prima di essere nominato staffista da Spinosa, svolgeva come lavoro quello di autista presso la GTT (azienda di trasporto pubblico torinese) e da quanto e’ a mia conoscenza e’ solamente diplomato. 

Con questo non voglio dire che le persone che possiedono il diploma siano di serie B rispetto ai laureati. Pero’ se lei si fa dare da Punzurudu l’elenco delle persone che erano state inserite in fascia A, potra’ vedere che questa fascia era composta da fior di laureati, un ingegnere, persone con master alle spalle ed esperienze lavorative di un certo livello. Ma soprattutto erano iscritte al partito da anni e avevano profuso impegno per il partito stesso ottenendo risultati. E queste persone non erano autisti di bus... Il merito e la competenza contano oppure no? Ma il bello (si fa per dire…) della faccenda riguarda il nome di Luisa Luise. A questa persona Spinosa ha riservato la bellezza di poco meno di 28.000 euro lordi all’anno. Peccato pero’ che la stessa Luisa Luise non sia neppure iscritta al partito (fonte Ubik alla data di venerdi’ 8 luglio 2011). Le pare, on. Rota, che sia una cosa giusta? Voci non confermate ma che nessuno si prende la briga di smentire che girano nella sede del partito e anche nei Palazzi di Torino dicono che questa signora Luisa Luise sia la moglie o compagna di un certo Gui che a sua volta sarebbe una persona legatissima a Giuseppe Sbriglio. Queste voci dicono che Spinosa abbia nominato nel suo staff questa Luise per cementare sempre piu’ il rapporto politico tra lei stessa e Sbriglio. 

Per quale motivo? Presto detto, perche’ nel brevissimo periodo Giuseppe Sbriglio, essendo il capogruppo IdV in consiglio comunale, sara’ la persona che gestira’ in prima persona le nomine in una marea di enti di sottogoverno, moltissimi dei quali fanno gola in quanto sono particolarmente ben retribuiti. Non voglio assolutamente pensare che in questi enti verranno nominati parenti, amici e amici degli amici dei potenti di turno. Al riguardo, on. Rota, mi puo’ tranquillizzare? La ciliegina sulla torta riguarda la riunione che sabato 9 luglio si e’ svolta presso la bocciofila di via Frejus a Torino e che era riservata agli iscritti della provincia di Torino. Io, per parteciparvi, sono partito da Giulianova, nel Teramano, il venerdi’ notte e mi sono fatto 7 ore di treno. Spinosa, conoscendo bene la mia totale contrarieta’ riguardo il suo operato, non mi ha fatto partecipare nemmeno come semplice uditore ma anzi mi ha fatto uscire dalla sala nonostante diverse persone che si trovavano nella sala stessa avessero proposto che chiunque fosse stato iscritto al partito avrebbe potuto partecipare lasciando pero’ il diritto di parola ai soli iscritti IdV della provincia di Torino, attaccandosi alla motivazione che io sono iscritto non nel Torinese ma nel Biellese.

Evidentemente durante i cinque mesi (da meta’ gennaio scorso fino ai referendum del 12 e 13 giugno) in cui ho lavorato al partito occupandomi espressamente della provincia di Torino, il mio impegno ma soprattutto la mia presenza servivano ed erano indispensabili. Si ricorda, on. Rota, quando era nato il problema delle deleghe autentiche e non fotocopiate che Di Pietro aveva dato a lei e che lei aveva dato a Spinosa per la consegna della documentazione nei vari comuni del Torinese in cui l’IdV presentava la sua lista di candidati? In quell’occasione servivo eccome e infatti, nel giro di poche ore in quanto la scadenza dei termini per la presentazione dei documenti era vicina, ero stato io a tappare il buco di un errore non commesso da me. Ora che invece ho preso posizione in maniera netta contro il suo operato politico, Mariacristina Spinosa mi considera alla stregua di un appestato che deve essere messo sempre e comunque in condizione di non esprimere la sua contrarieta’. C’e’ stato un acceso contradditorio fra me e lei e visto che io non ho timore di dire le cose in faccia al diretto interessato, sono stato da lei apostrofato in due occasioni pezzo di m….. Una donna che dice a un uomo pezzo di m….   

  Lascio a lei, on. Rota, i commenti sulla signorilita’ della frase che mi e’ stata riservata… Diverse persone che erano presenti in sala non solo mi hanno espresso la loro solidarieta’ e vicinanza ma mi hanno anche detto che se io volessi querelare per il reato di ingiuria la signora Spinosa, loro mi farebbero da testimoni. Questo atteggiamento dimostra che il malessere nel partito e’ diffuso. Come lei sicuramente sapra’, una persona ha 90 giorni di tempo a partire dall’ accaduto, per andare in caserma e sporgere querela. Io in questi giorni sto riflettendo a fondo sul da farsi e in tutta onesta’ le dico che a oggi sono propenso a querelare Mariacristina Spinosa per il reato di ingiuria. Personalmente, quando so di essere nel giusto ma soprattutto quando la mia dignita’ viene offesa e calpestata da una persona che dovrebbe avere solamente la decenza di tacere e chiedere scusa considerando il suo operato per la nomina degli staffisti, vado avanti per la mia strada. Molto probabilmente, conoscendo abbastanza bene la dirittura e integrita’ morale e la storia politica di Piero Fassino, non credo che accetterebbe di buon grado di avere nella sua squadra di governo una persona indagata e, se poi il Gip decidera’ per il rinvio a giudizio, imputata in un procedimento penale (l’articolo 54 della Costituzione afferma che i cittadini cui sono affidate funzioni pubbliche hanno il dovere di adempierle con disciplina e onore).

On. Rota, il malcontento nel partito a Torino e’ presente e si sta allargando. Settimane fa avevo inviato una mail a Spinosa e per conoscenza l’avevo mandata anche a lei e a Ignazio Messina chiedendo di prendere posizione in maniera netta sui criteri per la nomina degli staffisti. Non ho ricevuto risposta. Ora le chiedo di farmi avere un suo riscontro a questa mail che, per conoscenza e considerata la gravita' dell'operato di Spinosa, ho inviato a tutti i parlamentari dell'Italia dei Valori. Io facevo parte della fascia A per gli staffisti ma con questa mail ritiro ufficialmente la mia candidatura pur avendo tutte le carte in regola perche’ non voglio che la mia presa di posizione contro l’operato di Mariacristina Spinosa venga strumentalizzata e che si dia a essa un significato opposto rispetto all’originario. Al contrario invece esigo che le regole vengano rispettate e che, in assenza di cio’, nei confronti delle persone che si sono rese protagoniste di atteggiamenti arroganti, autoritari e irrispettosi verso le direttive di partito vengano presi provvedimenti severi ma soprattutto rapidi.

                                                                                                                                                                                                              P.S. Per quanto riguarda il secondo “stipendio” che Spinosa ha deciso di riservare alla dipendente comunale Sara Bellisai (9.000 euro lordi all’anno), si dice che anche la stessa Bellisai, oltre a Luisa Luise, sia legata a Giuseppe Sbriglio e che quindi Mariacristina Spinosa le abbia voluto fare questo “regalo” per rendere ancor piu’ solido e proficuo il rapporto con Sbriglio medesimo nell'ottica di decisioni future. Attendo un suo riscontro ma soprattutto la conferma che nell’Italia dei Valori, i Valori esistano realmente. Con stima, dott. Leandro Bracco


 





















La Redazione

Avvertenza. Tutti i commenti inviati consentono di risalire all'autore, pertanto chi utilizza questo spazio si assumerà la piena responsabilità civile e penale delle proprie affermazioni.
Commenti
saluti 2011-10-12 20:51:36

http://www.lospiffero.com/dicono-al-caffè/la-spinosa-dimenticata-2203.html
http://www.lospiffero.com/cantina/una-sinecura-per-il-funzionario-pd-2202.html (da leggersi dopo aver letto questo, che segue)
http://www.lospiffero.com/cantina/dal-valzer-degli-staffisti-restano-fuori-i-funzionari-del-pd-1862.html

Autorevole, senza ombra di dubbio!


Io sono un iscritta di Torino, vera!!! 2011-09-19 13:24:16

Volevo dire a Leandro che gli articoli scritti a suo sostegno provengono dallo stesso indirizzò IP e quindi si autopropone chiamandosi una volta autista con figlio laureato, un altra, tesserata di Prato, che lo stima per l'intelligenza un altra per il colore dei capelli, ma tu Leandro se sei così bravo perché non ti proponi al tg1 ti vedrei bene, con Minzolimi, e' penoso assistere alle tue richieste di lavoro insultando persone che ti hanno aiutato!!.

tesserata di Prato 2011-09-19 00:18:19

Ciao Leandro.
Sono Silvia e ci siamo conosciuti diversi me fa a Chianciano Terme quando entrambi partecipavamo alla 3 giorni dedicata ai Giovani di Valore dell'Idv.
Gia' all'epoca rimasi colpita dalla tua preparazione soprattuto quando eri intervenuto facendo un ragionamento e una domanda di economia all' on. Borghesi che ebbe non poche difficolta' a rispondere alla domanda che avevi posto.
Mi chiedo perche' perdi tempo a rispondere a persone come quel tipo che si vanta essere dirigente di partito.
Tu hai posto questioni specifiche e questo qua cosa ti risponde: che vedrebbe molto bene Siffredi ministro della sanita' perche' sarebbe superiore a te e che anche il motociclista Rossi sarebbe superiore a te. Ma gli funziona il cervello? Ma che caspita di dirigenti avete in Piemonte?
Spero tanto che Di Pietro o chi per lui legga questi commenti per prendere le iniziative del caso.
I concetto chiave, caro Leandro, e' che nessuno rispondera' mai alle tue questioni perche' e' palese che hai ragione.
Ti ricordi quando abbiamo cenato insieme quella sera insieme agli altri ragazzi del corso e io e te ragionammo sulle domande scomode che i giornalisti pongono ai potenti di turno? A quale conclusione eravamo arrivati? Che non ti rispondono mai oppure, se tu chiedi la cosa X, loro ti rispondono sulla cosa Y.
Domani ti telefono. Il tuo numero e' sempre 348 031.....???? Mi auguro di si'.
Non sapevo che la vostra assessora ti avesse preso in affido come se tu fossi un piccolo fiammiferaio...
Forse dovrebbe prendere in affido quel dirigente che vuole Siffredi ministro.
Ti abbraccio, Silvia
p.s.grazie per avermi fatto conoscere il modus operandi della selezione dei collaboratori dell'assessore

stefano coiana 2011-09-18 21:52:07

Caro Leandro,
tanto per cominciare io non mi riferivo ai laureati ( come mia moglie 110 lode ) ma alla gente come te
che recrimina un posto di lavoro in quanto tesserato politico e pensa solo a una sedia su cui accomodarsi.

Tu hai sputato dove hai mangiato!Non ti scordare che la SPINOSA ti ha accolto in casa sua come un figlio ospitandoti e adesso gli dai melma.

A me farebbe piacere avere come Ministro alla sanità Rocco Siffredi perchè tu non saresti mai ai suoi livelli;per quanto mi riguarda Valentino Rossi mi sta sul c.... comunque è sempre superiore a te.
Invece ti vedrei bene come MINISTRO ad una nuova poltrona, anche se non esiste chiederemo un referedum per inserirlo nel governo dei "cerca poltrone".
Ricorda, la politica non si fa per accomodarsi ma per i DIRITTI dei cittadini Italiani.
Questa polemica l'hai sollevata solo perchè non sei riuscito ad "accomodarti".
Qual'è il reale motivo che ti spinge a criticare l'oparato di Cristina?
Quando ti ho consciuto dicevi di lei che era Dio sceso in terra e adesso la tratti come una M.?=
La gente puo commentare quello che vuole ma deve conoscere i fatti e io e te li sappiamo benissimo.

Non entro nel merito di come hai svolto il tuo lavoro, ma sei stato pagato dal partito, o sbaglio ?
Io lavoro tanto per il partito e non mi hanno mai dato un euro e lo faccio per il nostro bene ( compreso il tuo), per fare in modo che anche i laureati abbiano un posto di lavoro.

Inoltre hai denigrato il lavoro degli operai non per iscritto ma verbalmento .

Poi se non riesci a capire un commento di un Ignorante come me che non ha la laurea, come pretendi di lavorare per un assesore alle pari opportunita che è colui che risolve i problemi della gente?

P.S Tu andresti d'accordo con un mio conoscente che fa politica solo per una sedia, non per il bene del partito; è questo che mi fa veramente imbestialire!

N.B. Il giocattolo si è rotto?Si...allora per questo rompo quello degli altri bambini!

Buon proseguimento! Dopo questo non ti rispondo più..sareberrò solo parole sprecate.

Stefano Coiana

Orgoglio Torinese 2011-09-18 12:57:21

Fanno bene a ricoprtirti, come dici tu, da chili di melma. Grazie a quei chili di melma, ti danno l'opportunita' di replicare e, dati alla mano, hai fatto capire a chi legge chi sta dalla parte della ragione e chi dalla parte del torto.
Grazie Leandro e mi congratulo con te.
p.s. Forza TORO

Cristina R. 2011-09-18 12:12:59

Sono iscritta al secondo anno di filosofia e da qualche mese lavoro per un giornale locale

Leggendo quanto scritto da Leandro Bracca, ho capito cosa significa essere giornalista.

Preciso, documentato, la cui bussola e' il rispetto dei fatti ma allo stesso tempo ironico e simpatico. Mi sembrava di ascoltare Travaglio ad annozero.

Monia 2011-09-18 11:53:54

CONDIVIDO DALLA PRIMA ALL'ULTIMA RIGA.

C'E' POCO, ANZI NULLA DA DIRE.

SEI UN NUMERO UNO LEANDRO

Leandro Bracco a Coiana (3/3) 2011-09-18 11:35:19

Su cio' che hai scritto riguardo i laureati e la gente preparata e competente nelle istituzioni, mi chiedo se esiste ancora il confine tra affermazioni degne di essere lette e affermazioni da bar dello sport.

In effetti caro Stefano hai ragione. Dipendesse da me nominerei, fra gli altri, Rocco Siffredi ministro della sanita' con delega speciale al sesso protetto, Jerry Cala’ alla Cultura (pero' a meta' mandato lo farei sostituire da Umberto Smaila) e Flavio Briatore (persona che pubblicizza il fatto di non aver mai aperto un libro in vita sua) all'Istruzione. Che ne dici se prendessimo anche in considerazione, per il dicastero dei Lavori pubblici, la candidatura di Valentino Rossi? Secondo me pero’ ai Lavori Pubblici potrebbe fare meglio Felipe Massa.

In certi paesi dell'Europa, tipo la Svezia, ministri degnissimi, per essere stati scoperti a non aver pagato i contributi alla colf per poche centinaia di euro, vanno sulla tv di stato, chiedono scusa per il loro errore a tutti i loro concittadini, alzano i tacchi e se ne vanno.

In Italia, chi solleva una questione come ho fatto io, viene investito da chili di melma. Ma certo, in effetti si tratta solamente di 90mila euro all'anno per 5 anni per un totale di 450mila euro. Soldi che vengono tirati fuori dalle tasche dei cittadini torinesi e non dalla nominata di turno. Quasi un miliardo delle vecchie lire.

Colgo l’occasione di questa mail per ringraziare tutti coloro i quali mi hanno fatto i complimenti circa la mia presa di posizione. Fa molto piacere ricevere la vostra vicinanza e condivisione. Per il tramviere Salvatore, se mi vuoi contattare la mia mail e’ leandro_bracco@hotmail.com

Chiedere scusa a S.? E’ S. che deve chiedere scusa innanzitutto a tutto al partito per come si e’ comportata nella nomina degli staffisti. Inoltre dovrebbe chiedere scusa a tutte le persone Idv che avevano presentato il proprio curriculum confidando in lei ma soprattutto confidando nel merito e nella competenza. Ma le parole merito e competenza, purtroppo, non fanno parte del vocabolario di molte persone.

Un’ultima cosa per te, Stefano. Ti invito ad andare a rileggere la mail che ho inviato a tutti i parlamentari Idv. In quello scritto non compare mai alcuna denigrazione verso chi svolge come lavoro quello di autista.

Io sono orgogliosamente figlio di operai (mio padre ha lavorato 37 anni in tintoria respirando quantita’ industriali di marciume e ora ne paga le conseguenze mentre mia madre, donna alta 150 cm., ha lavorato per oltre 20 anni alla Fiat al reparto sospensioni).

Se avessi denigrato il lavoro degli operai, allora si’ che avrei sputato nel piatto dove da sempre mangio.

Saluti

Leandro Bracco a Coiana (3/3) 2011-09-18 11:35:19

Su cio' che hai scritto riguardo i laureati e la gente preparata e competente nelle istituzioni, mi chiedo se esiste ancora il confine tra affermazioni degne di essere lette e affermazioni da bar dello sport.

In effetti caro Stefano hai ragione. Dipendesse da me nominerei, fra gli altri, Rocco Siffredi ministro della sanita' con delega speciale al sesso protetto, Jerry Cala’ alla Cultura (pero' a meta' mandato lo farei sostituire da Umberto Smaila) e Flavio Briatore (persona che pubblicizza il fatto di non aver mai aperto un libro in vita sua) all'Istruzione. Che ne dici se prendessimo anche in considerazione, per il dicastero dei Lavori pubblici, la candidatura di Valentino Rossi? Secondo me pero’ ai Lavori Pubblici potrebbe fare meglio Felipe Massa.

In certi paesi dell'Europa, tipo la Svezia, ministri degnissimi, per essere stati scoperti a non aver pagato i contributi alla colf per poche centinaia di euro, vanno sulla tv di stato, chiedono scusa per il loro errore a tutti i loro concittadini, alzano i tacchi e se ne vanno.

In Italia, chi solleva una questione come ho fatto io, viene investito da chili di melma. Ma certo, in effetti si tratta solamente di 90mila euro all'anno per 5 anni per un totale di 450mila euro. Soldi che vengono tirati fuori dalle tasche dei cittadini torinesi e non dalla nominata di turno. Quasi un miliardo delle vecchie lire.

Colgo l’occasione di questa mail per ringraziare tutti coloro i quali mi hanno fatto i complimenti circa la mia presa di posizione. Fa molto piacere ricevere la vostra vicinanza e condivisione. Per il tramviere Salvatore, se mi vuoi contattare la mia mail e’ leandro_bracco@hotmail.com

Chiedere scusa a S.? E’ S. che deve chiedere scusa innanzitutto a tutto al partito per come si e’ comportata nella nomina degli staffisti. Inoltre dovrebbe chiedere scusa a tutte le persone Idv che avevano presentato il proprio curriculum confidando in lei ma soprattutto confidando nel merito e nella competenza. Ma le parole merito e competenza, purtroppo, non fanno parte del vocabolario di molte persone.

Un’ultima cosa per te, Stefano. Ti invito ad andare a rileggere la mail che ho inviato a tutti i parlamentari Idv. In quello scritto non compare mai alcuna denigrazione verso chi svolge come lavoro quello di autista.

Io sono orgogliosamente figlio di operai (mio padre ha lavorato 37 anni in tintoria respirando quantita’ industriali di marciume e ora ne paga le conseguenze mentre mia madre, donna alta 150 cm., ha lavorato per oltre 20 anni alla Fiat al reparto sospensioni).

Se avessi denigrato il lavoro degli operai, allora si’ che avrei sputato nel piatto dove da sempre mangio.

Saluti

Leandro Bracco a Coiana (2/3) 2011-09-18 11:29:33

La delibera del Comune di Torino che riguarda la nomina dei cosiddetti staffisti da parte di S. e' la numero 201103760/04 e porta la data del 30 giugno 2011.

Ipotizzando che l'unica persona 'a chiamata diretta' di cui aveva competenza S. fosse Libonati, le altre due, in base alle direttive di partito, non dovrebbero essere dove sono e cioe' non dovrebbero lavorare nella sede dell'assessorato per il quale S. e' stata nominata e non eletta e che si trova in via Corte d'Appello 14.

Io sono tesserato Idv da marzo '10 e da quella data a oggi non ho mai sentito parlare della sig.a Luisa Luise. Chi e'? Cosa ha fatto per l'Idv? E’ la protetta di qualcuno? Perche' alla data della sua nomina da parte di S. (30/6/11) non figurava iscritta al partito? Il comportamento di S. e' di una gravita' assoluta. Oltre ad aver nominato due persone di cui non aveva competenza, una di queste due, alla data della sua nomina, non era neanche iscritta all'Idv. E poi si parla del fatto che gli staffisti devono essere persone di fiducia. Cara S., le favolette vai a raccontarle ai bimbi dell'asilo.
27.709 euro lordi all'anno a una persona (Luisa Luise) che manco e' iscritta all'Idv. Un dirigente di partito degno di questo nome dovrebbe avere come dogma quello del rispetto delle regole e non dovrebbe invece prendersela, utilizzando argomenti risibili e che lambiscono il ridicolo e il grottesco, con chi ha avuto il buon senso di portarle a conoscenza dell’opinione pubblica. Caro Stefano, perche' non fai a S. le domandine di cui sopra?

- Inoltre, perche' S. ha deciso di dare un secondo 'ministipendio' alla dipendente comunale Sara Bellisai? A questa signora, non basta lo stipendio che gia' percepisce dal Comune? C'e' da dire che 9.000 euro lordi all'anno (e cioe' 450 euro circa netti al mese) non cambiano la vita a nessuno ma sicuramente contribuiscono a renderla migliore. Perche' S. ha preso questa decisione? Un dirigente di partito come sei tu, caro Stefano, a mio parere dovrebbe avere il dovere di porgere certe domande al nominato di turno. Dico bene? Lo farai? Mah, dubito fortemente...



Leandro Bracco a Coiana (1/3) 2011-09-18 11:26:09

Ciao Stefano.

Il tuo commento e' veramente allucinante. Non ha logica, non entra nel merito della questione ma soprattutto e' totalmente privo di fondamento in quanto non possiede il requisito della verita'. Considerato che non lo hai fatto tu, ora entro io nel merito dei vari argomenti confidando sulla tua serieta' e buon senso.

Innanzitutto hai scritto che ho sputato nel piatto dove ho mangiato. Io non ho sputato in nessun piatto, in primo luogo perche' continuo a essere un militante attivo dell'Idv. Ti ricordo che ho lavorato da meta' gennaio '11 fino ai referendum dello scorso 12 e 13 giugno per la segreteria provinciale di Torino dell'IdV e non ho lavorato espressamente per S.

Inoltre, e questa e' la cosa che mi ha fatto piu' piacere e che mi ha fatto comprendere di aver lavorato in maniera professionale, seria e precisa, tutti coloro i quali hanno avuto a che fare con me sia nell'ambito della campagna elettorale per le amministrative sia per quella per i referendum, hanno avuto nei miei riguardi parole di stima.

Mi riferisco ai vari tesserati Idv di Alpignano, Carmagnola, Chivasso, Cirie', Pinerolo e San Mauro Torinese (i sei comuni del Torinese che sono andati al voto a maggio scorso) piu' tutte le altre persone con le quali ho avuto a che fare nell'ambito della campagna referendaria. Mi vengono in mente, ad esempio, attivisti IdV di La Loggia, Piossasco, Chieri, Borgaro Torinese, Candiolo, Beinasco, Collegno, Rivoli, Grugliasco e molti altri comuni che ora non mi vengono in mente. La provincia di Torino comprende la bellezza di 315 realta’ e quindi non e' molto semplice ricordarsi di tutti.

Nessuno si e' lamentato oppure ha avuto da ridire circa il mio lavoro.

In moltissimi, anzi, hanno avuto parole di elogio per il metodo, l'organizzazione e la precisione con i quali ho portato avanti il mio lavoro.

Ora arriviamo al discorso che riguarda S.

Da giornalista, visto che nessuno gliele pone chissa' a causa di quale timore, faccio le seguenti domande:

- perche' te ne sei fottuta allegramente di cio' che aveva stabilito il direttivo cittadino circa la nomina delle 3-4 persone che avrebbero collaborato con te in assessorato? Il direttivo cittadino presieduto da Antonio Punzurudu aveva formalizzato che una persona te la saresti scelta direttamente tu in base al requisito della fiducia mentre le altre 2 o 3 le avresti dovute scegliere in base a una rosa di nominativi che ti avrebbe fornito il partito stesso. Ti sei comportata come se le direttive del partito fossero carta straccia. Hai nominato tuoi collaboratori 3 persone: Cristina Fontana, Giuseppe Libonati e Luisa Luise. Nessuna di queste tre aveva presentato il proprio curriculum al direttivo cittadino. Quindi, la tua colpa e' doppia, in quanto due persone che presumibilmente non hanno le giuste credenziali, da alcuni mesi si stanno intascando soldi pubblici.

Salvatore, un tranviere 2011-09-17 03:15:34

Ho 48 anni e da diversi anni, con orgoglio e senso del dovere, sono tranviere.
Ho letto con attenzione sia la mail di Leandro Bracco sia tutti i commenti che finora sono stati scritti su questo sito.
Mi sono soffermato soprattutto sui commenti dei due colleghi autisti.
Cari colleghi, devo dire che avete proprio preso un'abbaglio.
Nella mail che Bracco ha scritto, questa persona pone semplicemente una questione e cioe' che in tutti i settori lavorativi, soprattutto in quelli dove e' presente denaro pubblico, a prevalere sia sempre e solo il merito.
Quindi stringo la mano simbolicamente a Bracco e mi rammarico molto che i miei due colleghi abbiano capito una cosa per un'altra.
Io ho 4 figli, due dei quali studiano all'universita'. Io e mia moglie ci stiamo facendo in quattro affinche' le nostre due figlie possano studiare con serenita' cercando di arrivare il prima possibile al traguardo della laurea.
Vi posso garantire, cari colleghi, che mi girerebbero e non poco le scatole se dopo avere studiato per anni e fatto sacrifici, le mie figlie, in un'ipotetico colloquio di lavoro, fossero sorpassate dal raccomandato di turno.
E sono certo che anche voi, se avete figli, la pensate come me.
Quindi cari colleghi vi invito con serieta' a riflettere sulle stupidaggini che avete scritto.
E' semplicemente normale ma soprattutto giusto che le persone che hanno fatto rinunce e sacrifici perche' hanno scelto di studiare, abbiano la precedenza rispetto a chi non ha pensato a studiare ma invece ha preferito andare subito a lavorare accontentandosi del primo lavoro che si presentava. Le opportunita' ci devono essere per tutti ma la classifica deve essere sempre fatta. E la classifica si deve fare tenendo conto degli studi e della professionalita'.
Io devo dire grazie alle mie figlie che mi hanno fatto capire quanto importante sia lo studio.
A Bracco, visto che le mie due universitarie sono state colpite positivamente dal suo scritto, chiedo se gentilmente mi puo' fornire un suo contatto cellulare o mail perche' le mie due figlie vorrebbero contattarlo.
Grazie per l'opportunita' che mi date di far pubblicare la mia opinione.

Stefano Coiana 2011-09-16 23:04:57

Cararissimo Leandro,

mi rammarica profondamente apprendere che una persona possa sputare nel piatto dove ha mangiato.
Ti ricordo che, grazie a Cristina, hai avuto l'opportunità di percepire lo stipendio per quattro mesi dal Partito.
Inoltre, vorrei ricordarti che, se l'Italia sta andando a rotoli è perchè nelle Istituzioni sono presenti laureati e non
operai e tranvieri che si alzano la mattina alle quattro e sudano fatica per portare a casa il pane.
Ti chiederei, in qualità di Dirigente di Partito, di fare un esame di coscienza e chiedere scusa alla persona che ha creduto in te.
Ricordati, ogni volta che incontrerai un autista, di chiedere scusa per aver denigrato il suo lavoro.

Distinti saluti,

Stefano Coiana

Nino amico dei Tranvieri 2011-09-16 15:52:55

Salve, mi chiamo Nino sono un estimatore di Tonino Di Pietro, devo dire che leggendo la lettera del povero Bracco, ho capito che in sintesi lui è stato tranvato da un tranviere, volevo dirgli di non preoccuparsi perchè non è il solo, basta girare un pò più spesso per Torino e vedrai che prima o poi ti capita. Volevo segnalarvi che alla corte di Pino Catania, come Assessore, al posto della Spinosa c'è andato un'altro tranviere Mimmo Dellisanti. Beh Leandro, occhio anche a Venaria!!!!.
Viva i tranvieri viva la Spinosa

Un tranviere indignato 2011-09-16 11:58:54

Sono indignato su quanto scrivono sul collega tranviere!!! State offendendo la nostra categoria,Vergognatevi.
Volevo solo segnalarvi che in GTT lavorano persone che hanno un profilo professionale e culturale molto più alto di questi grandi " SAPIENTONI " che villantano curriculum da professori (disoccupati). A nome di tutta la categoria dei Tranvieri porgo stima e affetto al collega che si è accomodato a Palazzo Civico, non mollare e ricordati di noi.......

Elogio a chi merita 2011-09-16 00:25:24

Visto che hai lavorato tanto e bene, e io lo so con certezza, per molti mesi nella sede regionale del partito, potevi ingoiare il rospo degli staffisti e far finta di nulla. Invece, considerato il marcio che e' venuto e sta venendo fuori, hai aperto la bocca e te ne sei fregato delle possibili conseguenze. Io non l'avrei fatto perche' la pagnotta e' importante, ma con il tuo comportamento, anche se ho 20 anni in piu' di te, ho capito diverse cose.

Senza dubbio il tuo comportamento ti ha fatto perdere il lavoro, ma puoi stare tranquillo che chi semina raccoglie e tu hai seminato e stai seminando correttezza, dignita' ma soprattuto esempio di vivere.

Non far caso a chi ti butta letame addosso. Hai perso qualche falso amico ma hai guadagnato l'apprezzamento di moltissimi.

Farai strada Leandro e lo meriti.

CONTRIBUENTE TORINESE 2011-09-16 00:05:29

ALL'ATTENZIONE DI ANTONINO CORLEONE

Ho 60 anni, lavoro in fabbrica facendo i turni e da sempre pago le tasse. Essendo una lavoratrice dipendente, non ho la possibilita' di evadere le tasse e anche se ce l'avessi, la mia morale e la mia etica mi porterebbero a essere onesta.
Lei si rende conto delle scemenze che ha scritto? L'assessore Spinosoa ha fatto scelte degne e che meritano rispetto?
Nei 90mila euro che la sig.a ha a disposizione ogni anno, ci sono anche i miei.
E io dovrei stare zitta quando vengo a sapere, grazie a Bracco, che Spinosa ha nominato come suoi collaboratori un autista di mezzi pubblici e gente i cui meriti non si conoscono?
E' una cosa ignobile.
Perche' la sig.a Spinosa non dice in base a quali requisiti a scelto le persone nel suo assessorato?
E perche' Fassino non si fa sentire?

Appello a Sbriglio e a Bracco 2011-09-15 23:43:11

Giuseppe Sbriglio, visto che ricopri il ruolo di capogruppo in comune, non piegarti facendo nominare parenti e protetti di Spinosa in enti comunali.

Tu hai giustamente bollato come trotismo certi comportamenti che si sono visti dentro l'Idv.

Ora dai l'esempio e di un bel NO al vetriolo, a Carmelo Vetriolo, consorte della nominata Spinosa.

In caso contrario, tutti davanti alla GTT a protestare.


Leandro Bracco, ti apprezzo alla grandissima per la tua presa di posizione netta e senza ombre.

Nel caso in cui Vetriolo fosse nominato in enti importanti, mi aspetto la tua presenza nel corteo di protesta. Sei stato coraggioso ma ora devi portare fino in fondo la tua battaglia. Conoscendo un po' la tua coerenza, sono certo che non mi deluderai.

Antonino Corleone 2011-09-15 23:41:45

Titolo il branco.

La solidarietà di razzisti del nuovo secolo " i Leghisti " mi fà capire quanto di buono ci sia nelle scelte della Spinosa.
Dopo i vostri interventi ci sarà Bracco Assessore, Borelli coordinatore, La leghista staffista, e vincerà un concorso in Comune la sorella dell' amico dell'università.

Amico di universita' 2011-09-15 23:24:17

Caz... Leandro, li hai proprio messi in crisi....
A Palazzo Nuovo, durante gli esami, mettevi alle corde il prof di turno e ora hai steso questi presunti 'potenti'...
Sono passati diversi anni, ma ancora mi ricordo l'esame di storia contemporanea...Cazz che scena, roba da film...
E come da prassi, visto che li hai punti nel sensibile, alcuni sapienti ti bollano come giornalista in cerca di lavoro oppure facendo ricorso al buon Dio...
Ma hanno dato un'occhiata al tuo curriculum? Non c'e' limite all'indecenza.
Pero' permettimi di dirti che una pecca ce l'hai. Non hai la patente x guidare i pullman...
Continua cosi' e quando sarai alla Camera, prendimi come staffista...
Pero' poi aiutami a trovare un posticino per mia sorella...

Con sincera amicizia, Marco

Amico di universita' 2011-09-15 23:24:05

Caz... Leandro, li hai proprio messi in crisi....
A Palazzo Nuovo, durante gli esami, mettevi alle corde il prof di turno e ora hai steso questi presunti 'potenti'...
Sono passati diversi anni, ma ancora mi ricordo l'esame di storia contemporanea...Cazz che scena, roba da film...
E come da prassi, visto che li hai punti nel sensibile, alcuni sapienti ti bollano come giornalista in cerca di lavoro oppure facendo ricorso al buon Dio...
Ma hanno dato un'occhiata al tuo curriculum? Non c'e' limite all'indecenza.
Pero' permettimi di dirti che una pecca ce l'hai. Non hai la patente x guidare i pullman...
Continua cosi' e quando sarai alla Camera, prendimi come staffista...
Pero' poi aiutami a trovare un posticino per mia sorella...

Con sincera amicizia, Marco

Cristina Del Tommaso 2011-09-15 23:01:54

Buonasera.
Sono un'elettrice della Lega.
Amo l'obiettivita'.
Sono sicura che l'assessora Spinosa sapra' guidare in maniera ottimale l'assessorato che Fassino le ha dato.
Lo sapra' guidare in modo ottimale perche' nel suo staff c'e' un autista di bus.
Mi viene il vomito...

P.S. Da collega giornalista, faccio i complimenti a Leandro Bracco per averci portato a conoscenza di fatti reali e concreti.

I fatti contano, le chiacchiere valgono zero.

Ehi Spinosa, occhio a non superare i limiti di velocita'. O forse li hai gia' superati?????

Luigi Borelli per Valentino Pistorio 2011-09-15 22:50:26

Scusa ma forse hai letto male i miei post precedenti.

ho scritto :

"In risposta al “coraggioso” che cela la sua identità dietro un molto poco corretto “amico di craxi”, posso solo dire che è penoso.
La mia era una citazione per introdurre un argomento. Anche perché quando il leader socialista scappò ad hammamet io avevo 13 anni, quando morì ne avevo 19.
Se il pavido che non scopre la sua identità facesse un atto di coraggio, magari scopriremmo che lui stesso ha fatto ore di anticamera al raphael o molto più miseramente nella sede del Psi torinese."

La citazione era questa e introduceva l'argomento che segue:

"Diceva Craxi: “Spadolini soffre. Ma con l’apostrofo”. Ecco, secondo me, la sig.ra Spinosa s’offre. In continuazione e per qualsiasi posto.
Perché delle due, l’una: o abbiamo di fronte una conoscitrice erga omnes dei problemi del Piemonte o, il fatto che sia stata assessore a San Benigno canavese, a venaria reale e consigliere regionale (come si evince dal curriculum sul sito del comune di Torino. Scarso a dire il vero di titoli scolastici e accademici e pieno di posti occupati, tutti di nomina, ivi compresa l’elezione in regione nel listino, e mai per il responso delle urne con preferenze), rivela una propensione endemica a fare incetta di posti da qualsiasi parte provengano."

Grazie, Valentino, per avermi dato la possibilità di chiarire.






Valentino Pistorio 2011-09-15 22:38:56

Eccola!!!! La macchina del fango si e' messa in moto. Da una denuncia coraggiosa di una persona con la schiena dritta (tale Leandro Bracco che non ho il piacere di conoscere), si arriva alla denigrazione personale. E' verissimo che Maria Cristina Spinosa ha avuto il merito di portare il Dalai Lama a Torino. Ma vi ricordate, care miserie torinesi, dell'ottima figura che proprio Maria Cristina Spinosa fece durante la trasmissione televisiva in cui aveva come 'avversario' politico Barbara Bonino a ridosso delle elezioni regionali 2010? La Bonino in quell'occasione la massacro' in fatto di competenza e professionalita'. ECCELLENTE MARIA CRISTINA SPINOSA!!!!
Vergognatevi Miserie torinesi. Non avete neanche il coraggio di presentarvi con nome e cognome.
A me interessa ben poco entrare nei discorsi idv perche' sono un elettore e super attivista di Beppe Grillo.
Cmq mi permetto di dire una cosa: le battaglie che hanno come fine la tutela del merito e della competenza andrebbero sempre sostenute a prescindere . Quindi bravo Leandro Bracco.
All'amico di Craxi. VERGOGNA. Ritieni opportuno pubblicizzare la tua amicizia con un corrotto, corruttore e latitante? OPS, SCUSATE. Non latitante ma esule, come lo etichettano i revisionisti. Esule come MAZZINI.

Luigi Borelli 2011-09-15 21:35:55

All'invertebrato senza identità (che fa bene a tenerla nascosta) vorrei, in tema di consigli e da uomo di "pseudo-cultura", suggerire qualcosa.

Alla fiera della punteggiatura occhio agli acquisti: i punti esclamativi saranno stati pur in saldo, ma se se ne comprano tanti e non si sa dove metterli, si richia di inflazionare una frase; mi raccomando con le virgole: se gli fai seguire un punto esclamativo (di cui hai fatto scorta) può essere sintomo del tuo essere capra. Nel post precedente invece sei stato avaro di punti.
Mi raccomando infine alle congiunzioni avversative: se ho capito bene chi sei (e lo ho capito), hai per difetto metterle insieme. Mi raccomando mai, eh!

Infine ripubblico anch'io: sempre delle ultime due categorie puoi far parte...

"Pusillanime" e "pavido" sono termini della lingua italiana, caro il mio amico.
Se non li conosci fattene una ragione.
Capisco che non avendo argomenti e non potendo rispondere puntualmente sei passato all'insulto.
Ti consiglio di continuare a leggere la favola di Esopo, perchè le tue parole tradiscono nervosismo.

Prima di congedarmi definitivamente da te, ti consiglio anche un libro di Sciascia, Il giorno della civetta, che in una frase (famosa, citata dall'avv. Agnelli in una intervista a mixer) classifica l'umanità:

"«Io» proseguì don Mariano «ho una certa pratica del mondo; e quella che diciamo l'umanità, e ci riempiamo la bocca a dire umanità, bella parola piena di vento, la divido in cinque categorie: gli uomini, i mezz'uomini, gli ominicchi, i (con rispetto parlando) pigliainculo e i quaquaraquà... "

Scegli tu fra le ultime due categorie. Con la mancanza di spina dorsale non si può essere classificati diversamente.

Buona lettura

P.S.: d'ora in poi scrivi in anonimato quello che vuoi. non ti risponderò più.

all' Amico de Craxxi 2011-09-15 21:25:50

Ripubblico solo per chiarire che nel mio post precedente, non ci sono insulti nel tuo!!!!!

Per L. Borelli. Laureato (vecchio ordinamento) in Scienze Politiche. Non so se mi spiego!!!!

Sei una persona veramente divertente... mi hai fatto più ridere tu in un giorno, che zelig in un anno.... sono così nervoso che rischio lo svenimento ...dalle risate ....pusillanime !!..desueto!!!

10 e lode ; come comico

Consigli:
Secondo me visto le persone che hai fatto ridere con le tue argomentazioni, ti consiglierei un percorso alternativo, quello circense è molto remunerativo, e secondo me ti potrebbe garantire moltissime possibilità di carriera, ....visto lo scarso successo politico, ...pensaci!!.

2 ; come politico ( volendo esser buono)

Valutazione:
Mi sembri meno portato come esperto di comunicazione,...ringraziamo la Spinosa che non ti ha dato questa possibilità di diventare l'elemento di mediazione di rappresentanza politica di un Assessore, chissà che guaio saresti stato per l'IDV.

Poi anch'io non ti scriverò più, perchè non credo mi potrai divertire oltre,!! sei stato un genio, unico esilarante, ....grazie tante per il divertimento che mi hai dato, anche se nell'ultimo post "mi spiace per te " ti sei tradito, è venuta più chiaramente la tua natura autoritaria di pseudo uomo di cultura, ( che della provocazione e dell'insulto ne ha fatto il proprio stile bravo in un regime autoritario potresti essere un uomo che conta) Grazie ancora per il divertentissimo incontro . " Amico di Craxi ".

Luigi Borelli 2011-09-15 21:10:11

"Pusillanime" e "pavido" sono termini della lingua italiana, caro il mio amico.
Se non li conosci fattene una ragione.
Capisco che non avendo argomenti e non potendo rispondere puntualmente sei passato all'insulto.
Ti consiglio di continuare a leggere la favola di Esopo, perchè le tue parole tradiscono nervosismo.

Prima di congedarmi definitivamente da te, ti consiglio anche un libro di Sciascia, Il giorno della civetta, che in una frase (famosa, citata dall'avv. Agnelli in una intervista a mixer) classifica l'umanità:

"«Io» proseguì don Mariano «ho una certa pratica del mondo; e quella che diciamo l'umanità, e ci riempiamo la bocca a dire umanità, bella parola piena di vento, la divido in cinque categorie: gli uomini, i mezz'uomini, gli ominicchi, i (con rispetto parlando) pigliainculo e i quaquaraquà... "

Scegli tu fra le ultime due categorie. Con la mancanza di spina dorsale non si può essere classificati diversamente.

Buona lettura

P.S.: d'ora in poi scrivi in anonimato quello che vuoi. non ti risponderò più.

all'Amico di Craxi 2011-09-15 20:59:42

Per L. Borelli. Laureato (vecchio ordinamento) in Scienze Politiche. Non so se mi spiego!!!!

Sei una persona veramente divertente... mi hai fatto più ridere tu in un giorno, che zelig in un anno.... sono così nervoso che rischio lo svenimento ...dalle risate ....pusillanime !!..desueto!!!

10 e lode ; come comico

Consigli:
Secondo me visto le persone che hai fatto ridere con le tue argomentazioni, ti consiglierei un percorso alternativo, quello circense è molto remunerativa, e secondo me ti potrebbe garantire moltissime possibilità di carriera, ....visto lo scarso successo politico, ...pensaci!!.

2 ; come politico ( volendo esser buono)

Valutazione:
Mi sembri meno portato come esperto di comunicazione,...ringraziamo la Spinosa che non ti ha dato questa possibilità di diventare l'elemento di mediazione di rappresentanza politica di un Assessore, chissà che guaio saresti stato per l'IDV.

Poi anch'io non ti scriverò più, perchè non credo mi potrai divertire oltre,!! sei stato un genio, unico esilarante, ....grazie tante per il divertimento che mi hai dato, anche se nell'ultimo post "mi spiace per te " ti sei tradito, è venuta più chiaramente la tua natura autoritaria di pseudo uomo di cultura, ( che della provocazione e dell'insulto ne ha fatto il proprio stile bravo in un regime autoritario potresti essere un uomo che conta) Grazie ancora per il divertentissimo incontro. " Amico di Craxi ".

Luigi Borelli 2011-09-15 18:53:28

"Pusillanime" e "pavido" sono termini della lingua italiana, caro il mio amico.
Se non li conosci fattene una ragione.
Capisco che non avendo argomenti e non potendo rispondere puntualmente sei passato all'insulto.
Ti consiglio di continuare a leggere la favola di Esopo, perchè le tue parole tradiscono nervosismo.

Prima di congedarmi definitivamente da te, ti consiglio anche un libro di Sciascia, Il giorno della civetta, che in una frase (famosa, citata dall'avv. Agnelli in una intervista a mixer) classifica l'umanità:

"«Io» proseguì don Mariano «ho una certa pratica del mondo; e quella che diciamo l'umanità, e ci riempiamo la bocca a dire umanità, bella parola piena di vento, la divido in cinque categorie: gli uomini, i mezz'uomini, gli ominicchi, i (con rispetto parlando) pigliainculo e i quaquaraquà... "

Scegli tu fra le ultime due categorie. Con la mancanza di spina dorsale non si può essere classificati diversamente.

Buona lettura

P.S.: d'ora in poi scrivi in anonimato quello che vuoi. non ti risponderò più.

A. Ragno 2011-09-15 16:20:50

Penso che siamo in una società maschilista e tutti queste aggressioni sono la conferma, c'è Borelli che attacca la Spinosa, perchè ha detto la lui stesso nel suo "post" che ha titoli ed esperianza di partito per dover svolgere questo ruolo, l'altro giornalista Leandro che era meritevole di essere nominato per gli attacchi a Spinosa staffista oggi scoperto persona integerrima "che fa della cultura la sua arma", Buquicchio che ha la moglie Senatrice, l'On. Porcino che ha il figlio consigliere comunale, ed una serie di personalità minori amici degli amici nominati negli enti da chissà chi!!!!

il problema di tutti questi paladini della correttezza morale è l'Assessore Spinosa, di cui si dice " che il marito abbia presentato domanda e RIPETO "SI DICE" PRESENTATO SOLO LA DOMANDA .

E la ex segretaria di Bouquicchio in forza al corecom tutta bravura e competenza nessuno ha da dire ?? si accettano calunie.
Il problema è SPINOSA penosi, ogni vostro commento è un insulto alle donne impegnate in politica, che se non legate o sottomesse a bande al maschile sono osteggiate da tutti questi uomini paladini dell'etica.
Pacchiodo del Novarese che chiede chiarimenti per Spinosa e per il resto non si chiede niente??!!!
voi guardate il pelo ma non la trave nei vostri occhi!!!! una donna schifata
A.Ragno

Giovanni Pacchiodo 2011-09-15 15:30:37

Leggo e resto basito!! Possibile che ci siano ancora persone che scrivono senza mettere nome e cognome, ma solo pseudomini o simili, perchè non hanno coraggio oppure.....
ho letto l'articolo su Lo Spiffero della proposta di nomina del marito dell'Assessore Spinosa in GTT....non ho parole!!!!!! per il resto, spero, come militante del Novarese, che Di Pietro , Rota e Messina possano indagare a fondo su queste nomine (staff, proposte del marito, ecc.) ed avere, una volta tanto, il coraggio di prendere provvedimenti degni del ruolo che ricoprono...se credono e pensano di ricoprire un ruolo di VALORE.

Per L. Borelli " Amico di Craxi" 2011-09-15 15:07:20

Al maestro con una Laurea (vecchio ordinamento) in Scienze Politiche .....che parla di taglio e cucito secondo me .....più competente nel taglio!!! ....43.ooo€ di reddito circa 2.000 al mese, chissa che ruolo impegnativo svolgerà per tanto guadagno !!!! quindi l'indennità prevista di 9.000 € quasi 400€ al mese inifluenti su un reddito così elevato,!!! tutta passione politica.

Non volevo perdere tempo a sostenere, se fosse stato o meno amico di Bettino Craxi, il dott. L. Borelli, le citazioni sulle espressioni usate per etichettare l'Assessore Spinosa, mi hanno indotto a pensare che lo fosse, ma se si è offeso sono profondamente dispiaciuto, non pensavo che essere stati socialisti era un insulto!!!! leader suoi amici più importanti lo sono stati e non se ne vergognano, penso solamente un pochino in contrasto con i valori dell'IDV pensare a Craxi come modello culturale di riferimento mi sembrava una posizione politica un po retrodatata, scusa ma tu!!!! pavido, pusillanime!!!! da quale secolo arrivi, il linguaggio sembra quello di " De Amicis 1860" un pochino in là coi tempi!!! nella società dell'informatica del web se ti relazioni così negli ospizi potresti avere un sacco di estimatori.

Ti regalo questa piccola favola che può chiarire a chi legge qual' è il mio pavido ( timido ) pensiero su di te, fanne buon uso:

Esopo VI sec. a. C.

LA VOLPE E L'UVA

Che fame! - esclamò la volpe, che era a digiuno da un paio di giorni e non trovava niente da mettere sotto i denti; girellando qua e là, capitò per caso in una vigna, piena di grappoli bruni e dorati
- Bella quell'uva! - disse allora la volpe, spiccando un primo balzo per cercare di afferrarne un grappolo. - Ma com'è alta! - e fece un altro salto. Più saltava e più le veniva fame: fece qualche passo indietro e prese la rincorsa: niente ancora! Non ce la faceva proprio. Quando si accorse che tutti i suoi sforzi non servivano a nulla e che, continuando così, avrebbe potuto farsi deridere da un gattino che se ne stava a sonnecchiare in cima alla pergola, esclamò:
- Che buffa uva! È ancora acerba, e a me l'uva acerba non piace davvero!

E si allontanò di là con molta dignità, ma con una gran rabbia in cuore.

Luigi Borelli 2011-09-15 13:02:21

In risposta al “coraggioso” che cela la sua identità dietro un molto poco corretto “amico di craxi”, posso solo dire che è penoso.
La mia era una citazione per introdurre un argomento. Anche perché quando il leader socialista scappò ad hammamet io avevo 13 anni, quando morì ne avevo 19.
Se il pavido che non scopre la sua identità facesse un atto di coraggio, magari scopriremmo che lui stesso ha fatto ore di anticamera al raphael o molto più miseramente nella sede del Psi torinese.
Aggiungo, perché forse l’innominato non ha ben inteso, che io ho il piacere di non conoscere la Sig.ra Spinosa e quindi non le ho chiesto nessuna riconferma. Tanto meno ho chiesto a qualche “cacicco” (il braveheart “de noantri” faccia il nome, prego) di perorare la mia causa presso l’assessore.
Ne è prova che nella messa in scena della presentazione dei curriculum per il posto di staffista, il mio non è mai pervenuto perché mai inviato. A dire il vero avevo dato la disponibilità ad andare in segreteria dell’assessore di Idv comunque si chiamasse, prima della composizione della giunta, anche senza indennità aggiuntive allo stipendio. Ma solo perché all’epoca credevo che una persona di partito (nel senso stretto del termine) avrebbe potuto far comodo all’assessore di riferimento a costo zero se non fosse stato possibile avere l’indennità. Ecco la militanza ad alto livello.
Questo per ribadire al pusillanime che conosco bene il prezzo delle cose, ma anche il valore.
Infatti, tutto sommato, se ne dovessi fare solo una questione di prezzo, 9.000 Euro non potrebbero mai bastare: pensi che da staffista di Euro ne guadagnavo 43.000 avendo una Laurea (vecchio ordinamento, sia chiaro) in Scienze Politiche e non in “taglio e cucito”.

CONTINUA....

Luigi Borelli 2011-09-15 13:01:49

In merito al giudizio sull’assessore ribadisco che è puramente politico, ed è conseguenza di un giudizio espresso in mia assenza sulla mia persona e sul mio lavoro all’interno del partito. E comunque non sarebbe cambiato nemmeno per 90.000 Euro.

Anzi il giudizio politico si è aggravato dopo la questione della presentazione delle nomine in Gtt del marito dell’assessore (non smentita, ma giustificata. http://www.lospiffero.com/article.php?id_sezione=5&id=2084).
E il nostro fulgido esempio di viltà, sa perché?
Perché contravviene alle norme del partito, quelle della mozione approvata al congresso nazionale di Roma nel febbraio 2010 proposta dal Sen. Pardi, emendata da Di Pietro ed approvata all’unanimità dai delegati: a nessuno è escluso il diritto costituzionalmente garantito dell’elettorato passivo ivi compresi i parenti di soggetti già ricoprenti cariche elettive (fermi restando i vincoli su carichi pendenti e procedimenti in corso); è esclusa la cooptazione o gli incarichi di nomina per i parenti.
Tant’è. Mi dispiace. Se poi ci si vuole sostituire a Di Pietro o al partito, si accomodi, prego.
La militanza ad alto livello passa dalla conoscenza delle regole che disciplinano il partito.
Ma forse l’innominato-smemorato non era al congresso o se c’era dormiva.
Chissà chi è in linea con i principi di Italia dei Valori e del suo leader Di Pietro e chi no…

Chiaramente su chi ha fatto della codardia il proprio tratto caratteristico, non conoscendone l’identità, non esprimo giudizi. Se sarà così cortese di rivelarcela, esamineremo il suo operato nel partito, il suo impegno nelle istituzioni (ammesso che abbia ruoli) ed anche il suo armadio politico: non si sa mai, magari salta fuori qualche scheletro datato Prima Repubblica.

A presto Luigi Borelli

Le miserie di Torino 3 2011-09-14 18:46:18

E ricordo ad alcuni capi popolo insoddisfatti dell’ IDV, perché se ne facciano una ragione in futuro, le nomine dello staff, rispondono a criteri che sono esclusivamente fiduciari, e per ciò non c'è nessun segretario cittadino o altro organismo, che ne può valutare entrando nel merito la scelta inventando regole.
Quindi un Assessore perbene, già aggredito su tutti i giornali locali da alcuni cacicchi del partito al momento della nomina ad Assessore, oggi ringalluzziti dalla lettera di un povero cristo in cerca di lavoro, ed un dirigente del partito che consegna al vostro giornale questo penoso racconto di miserie personali che veramente danno la misura della povertà economica oltre che morale di questo paese.
Io credo invece che un partito serio come l’IDV debba fare la giusta valutazione del danno provocato all’immagine del partito verificando le responsabilità dei soggetti promotori di tali discussioni che hanno solo la finalità strumentale di danneggiare l’immagine difficilmente inquinabile dell’ Assessore Mariacristina Spinosa.
Una persona che la conosce per questo l’ha votata la stima.

Caro Leandro io non ti stimo, per quello che scrivi e dici, ma ho una umana pena per la tua condizione personale, speriamo che Dio ti dia una seria occasione per risolvere i tuoi problemi di lavoro.

Le miserie di Torino 2 2011-09-14 18:44:27

Caro direttore del tribuno, che riceve e pubblica una notizia proveniente de un dirigente regionale del partito Italia dei Valori del Piemonte, mi domando se dopo la sua " informazione pubblicata " il responsabile degli enti locali Ivan Rota non debba intraprendere una iniziativa di verifica all'interno del direttivo regionale dell’ IDV piemontese, per capire come mai" un dirigente" del proprio partito faccia partire una polemica interna di tale basso livello, mettendo sui i giornali i propri Assessori, con il solo risultato finale di generare un sospetto che sa di denigrazione nei confronti dell’ Assessore Comunale Mariacristina Spinosa e che di trasparenza politica ha praticamente niente e poi più avanti spiegherò perchè.

Mi piace ricordare chi è l’Assessore Spinosa:
è stata la consigliera regionale che ha portato in Piemonte il Dalai Lama, ed è tra le poche al mondo in grado di poter gestire un rapporto con una delle più influenti e note cariche lamaistiche, nonchè la massima autorità spirituale del Buddhismo tibetano, ed è anche la persona indicata dal fiuto esperto del Sindaco Fassino che l’ha scelta, ne ha valutato oltre la competenza, anche grazie agli attacchi dei nemici del suo stesso partito, schierati compatti contro la sua nomina, figure ben note al Sindaco che ne hanno rafforzato la stima e la giustezza della proposta per la nomina di Assessore della Città.
Mi chiedo, e le chiedo se un Assessore debba essere valutato sui giornali online da un " giornalista in cerca di occasioni di lavoro" oppure dalle cose che essa fa, ad esempio dal progetto politico che sviluppa per la propria città; sull’articolo da lei pubblicato, sembrerebbe invece che la guerra d’invidie sulle nomine dell proprio staff, tra l’altro da sempre e da tutti i politici effettuate su base fiduciaria, e non secondo regole d’ ufficio di collocamento, abbia irritato questi begli esempi di correttezza politica, scandalizzati e pronti ad andare in tribunale ad infangare chiunque sia, l’affidabilità e la competenza di un Assessore risponde ad altri parametri, sconosciuti a queste persone.
E ricordo ad alcuni capi popolo insoddisfatti dell’ IDV, perché se ne facciano una ragione in futuro, le nomine dello staff, rispondono a criteri che sono esclusivamente fiduciari, e per ciò non c'è nessun segretario cittadino o altro organismo, che ne può valutare entrando nel merito la scelta inventando regole.
Quindi un Assessore perbene, già aggredito su tutti i giornali locali da alcuni cacicchi del partito al momento della nomina ad Assessore, oggi ringalluzziti dalla lettera di un povero cristo in cerca di lavoro, ed un dirigente del partito che consegna al vostro giornale questo penoso racconto di miserie personali che veramente danno la misura della povertà economica oltre che morale di questo paese.
Io credo invece che un partito serio come l’IDV debba fare la giusta valutazione del danno provocato all’immagine del partito

Miserie Torinesi 2011-09-14 18:33:42

Caro direttore del tribuno, che riceve e pubblica una notizia proveniente de un dirigente regionale del partito Italia dei Valori del Piemonte, mi domando se dopo la sua " informazione pubblicata " il responsabile degli enti locali Ivan Rota non debba intraprendere una iniziativa di verifica all'interno del direttivo regionale dell’ IDV piemontese, per capire come mai" un dirigente" del proprio partito faccia partire una polemica interna di tale basso livello, mettendo sui i giornali i propri Assessori, con il solo risultato finale di generare un sospetto che sa di denigrazione nei confronti dell’ Assessore Comunale Mariacristina Spinosa e che di trasparenza politica ha praticamente niente e poi più avanti spiegherò perchè.

Mi piace ricordare chi è l’Assessore Spinosa:
è stata la consigliera regionale che ha portato in Piemonte il Dalai Lama, ed è tra le poche al mondo in grado di poter gestire un rapporto con una delle più influenti e note cariche lamaistiche, nonchè la massima autorità spirituale del Buddhismo tibetano, ed è anche la persona indicata dal fiuto esperto del Sindaco Fassino che l’ha scelta, ne ha valutato oltre la competenza, anche grazie agli attacchi dei nemici del suo stesso partito, schierati compatti contro la sua nomina, figure ben note al Sindaco che ne hanno rafforzato la stima e la giustezza della proposta per la nomina di Assessore della Città.


Mi chiedo, e le chiedo se un Assessore debba essere valutato sui giornali online da un " giornalista in cerca di occasioni di lavoro" oppure dalle cose che essa fa, ad esempio dal progetto politico che sviluppa per la propria città; sull’articolo da lei pubblicato, sembrerebbe invece che la guerra d’invidie sulle nomine dell proprio staff, tra l’altro da sempre e da tutti i politici effettuate su base fiduciaria, e non secondo regole d’ ufficio di collocamento, abbia irritato questi begli esempi di correttezza politica, scandalizzati e pronti ad andare in tribunale ad infangare chiunque sia, l’affidabilità e la competenza di un Assessore risponde ad altri parametri, sconosciuti a queste persone.

E ricordo ad alcuni capi popolo insoddisfatti dell’ IDV, perché se ne facciano una ragione in futuro, le nomine dello staff, rispondono a criteri che sono esclusivamente fiduciari, e per ciò non c'è nessun segretario cittadino o altro organismo, che ne può valutare entrando nel merito la scelta inventando regole.

Quindi un Assessore perbene, già aggredito su tutti i giornali locali da alcuni cacicchi del partito al momento della nomina ad Assessore, oggi ringalluzziti dalla lettera di un povero cristo in cerca di lavoro, ed un dirigente del partito che consegna al vostro giornale questo penoso racconto di miserie personali che veramente danno la misura della povertà economica oltre che morale di questo paese.
Io credo invece che un partito serio come l’IDV debba fare la giusta valutazione del danno provocato all’immagine del

amico di Craxi 2011-09-14 18:31:33

Al signore Luigi Borelli che conosce il prezzo di ogni cosa, ma il valore di nessuna, per ciò s’offre alla Spinosa per qualche spicciolo d’indennità in più, forte di questo diritto naturale che proviene dall’’aver fatto parte “ staff di Sbriglio “ ….per questo pretendeva insieme al suo cacicco di riferimento la garanzia e quindi la riconferma nello staff dell’Assessore “per qualche dollaro in più” ovvero l’indennità di coordinamento staff esattamente 9.000€, se così fosse stato mi piacerebbe sapere quale sarebbe stato l’autorevole giudizio sull’Assessore Spinosa, ma queste sono minuzie insignificanti, robe da poveracci, lui credo che abbia voluto proporre ragionamenti di militanza ad alto livello, che personalmente mi sfuggono ma sicuramente ci saranno, …mi scuso leggendo più attentamente incomincio a percepire qualcosa più chiaramente, ….cioè le citazioni colte e di valore culturale a cui s’ispira ….“ Bettino Craxi “…. mi rendo conto che ogni valutazione è superflua di fronte a tali argomenti, la cosa che mi sembra evidente la perfetta sintonia con i principi dell’ Italia dei Valori e del suo leader Antonio Di Pietro. Complimenti!!! Amico di Craxi.

Amico di Craxi 2011-09-14 18:29:32

Al signore Luigi Borelli che conosce il prezzo di ogni cosa, ma il valore di nessuna, per ciò s’offre alla Spinosa per qualche spicciolo d’indennità in più, forte di questo diritto naturale che proviene dall’’aver fatto parte “ staff di Sbriglio “ ….per questo pretendeva insieme al suo cacicco di riferimento la garanzia e quindi la riconferma nello staff dell’Assessore “per qualche dollaro in più” ovvero l’indennità di coordinamento staff esattamente 9.000€, se così fosse stato mi piacerebbe sapere quale sarebbe stato l’autorevole giudizio sull’Assessore Spinosa, ma queste sono minuzie insignificanti, robe da poveracci, lui credo che abbia voluto proporre ragionamenti di militanza ad alto livello, che personalmente mi sfuggono ma sicuramente ci saranno, …mi scuso leggendo più attentamente incomincio a percepire qualcosa più chiaramente, ….cioè le citazioni colte e di valore culturale a cui s’ispira ….“ Bettino Craxi “…. mi rendo conto che ogni valutazione è superflua di fronte a tali argomenti, la cosa che mi sembra evidente la perfetta sintonia con i principi dell’ Italia dei Valori e del suo leader Antonio Di Pietro. Complimenti!!! Amico di Craxi.

Katia Mantovano 2011-09-14 01:09:27

Ho conosciuto Aleandro alcuni mesi fa durante una riunione. Al primo impatto, a pelle, mi sembrava fosse uno che se la tirava all'inverosimile. Poi si e' messo a parlare con me e devo ammettere che piu' parlava piu' condividevo i suoi ragionamenti. Mi e' piaciuto e la mail che ha scritto per descrivere il comportamento di Spinosa ha confermato l'opinione che mi sono fatta di lui dopo averlo conosciuto: e' un leader, uno con la testa pensante che fa della sua notevole cultura la migliore arma contro chiunque. Finalemnte uno con gli attributi che ha il pregio di dire sempre cio' che pensa sbattendosene totalmente delle possibili conseguenze.
Caro Di Pietro, il tuo partito ha bisogno di gente come Bracco e non di servi e yes man. Valorizza chi merita e non chi lecca i piedi per quieto vivere.
Continua cosi', Aleandro e grazie per averci fatto aprire gli occhi.

Luigi Borelli 2011-09-13 12:53:24

Nell’attestare la solidarietà a Leandro a cui riconosco impegno, dedizione e onestà intellettuale, nonostante in tante fasi della vita politica del partito siamo stati su fronti contrapposti, aggiungo brevi considerazioni. Pur avendo il piacere di non conoscere la Signora Spinosa, essendo stato nello staff dell’assessore Sbriglio e nella segreteria cittadina Idv di Torino, ritengo di dover esprimere il mio pensiero sulla figura e sulle scelte politiche del membro della giunta Fassino, anche perché, a quello che mi risulta, sono stato improvvidamente citato dallo stesso assessore nella riunione di Idv del 12/9 (non ero presente e già questo è sintomo dello stile e della serietà).

Diceva Craxi: “Spadolini soffre. Ma con l’apostrofo”. Ecco, secondo me, la sig.ra Spinosa s’offre. In continuazione e per qualsiasi posto.
Perché delle due, l’una: o abbiamo di fronte una conoscitrice erga omnes dei problemi del Piemonte o, il fatto che sia stata assessore a San Benigno canavese, a venaria reale e consigliere regionale (come si evince dal curriculum sul sito del comune di Torino. Scarso a dire il vero di titoli scolastici e accademici e pieno di posti occupati, tutti di nomina, ivi compresa l’elezione in regione nel listino, e mai per il responso delle urne con preferenze), rivela una propensione endemica a fare incetta di posti da qualsiasi parte provengano.

D’altra parte è ormai Storia il fatto che occupi il posto in giunta solo ed esclusivamente per una questione di genere, perché donna. Quando infatti si è vagliata la reale consistenza, le sono state assegnate delle deleghe (senza nulla togliere alle pari opportunità) che di certo non si possono considerare strategiche e di peso e comunque molto al di sotto delle aspettative di Idv.

Da ciò ne consegue inevitabilmente che abbia una concezione distorta del merito. Da questo l’ardita affermazione e l’audace comparazione, fra me e altri soggetti, nella riunione del 12/9.
Per quel che mi riguarda posso solo dire che non solo il mio impegno nel partito non è nemmeno lontanamente confrontabile con l’impegno della Sig.ra Spinosa stessa, ma non è confrontabile nemmeno con l’impegno profuso(nelle attività del partito, si intende) dalla Sig.ra Spinosa, più i quattro staffisti da lei nominati messi assieme (della quale non conosco l’operato istituzionale in assessorato e quindi non lo giudico, per ora).
Anche questa è Storia e sono pronto al confronto, potendo affermare con giustezza di essere stato dal 2008 a fine 2010, impegnato senza soluzione di continuità nelle attività del partito: dalle campagne referendarie, alle tre tornate elettorali (2008- 2009- 2010), passando per congressi, manifestazioni e appuntamenti anche nazionali.

Luigi Borelli 2011-09-13 12:51:53

Poi è chiaro che la gestione locale del partito mi ha annichilito. Ma quello che è peggio, e per la quale la Segretaria Provinciale di Idv sig.ra Spinosa non fa nessuna autocritica e nessuna analisi, è che a non poterne più è l’elettorato: se infatti alle elezioni regionali del 2010 Idv aveva a Torino il 9,46%, dopo poco meno di un anno di gestione del partito siamo passati al deludente 4,76% delle comunali del 2011. Non è tutta colpa della Spinosa naturalmente, ma penso che una parte importante di responsabilità le si possa attribuire. Anche perché essere Segretario non vuol dire solo proporsi con un titolo in più quando c’è da occupare posti di governo o sottogoverno, ma lavorare tutto l’anno per il partito ed assumersi le responsabilità che ne conseguono.
A presto
Luigi Borelli

Luigi Borelli 2011-09-13 12:51:04

Nell’attestare la solidarietà a Leandro a cui riconosco impegno, dedizione e onestà intellettuale, nonostante in tante fasi della vita politica del partito siamo stati su fronti contrapposti, aggiungo brevi considerazioni. Pur avendo il piacere di non conoscere la Signora Spinosa, essendo stato nello staff dell’assessore Sbriglio e nella segreteria cittadina Idv di Torino, ritengo di dover esprimere il mio pensiero sulla figura e sulle scelte politiche del membro della giunta Fassino, anche perché, a quello che mi risulta, sono stato improvvidamente citato dallo stesso assessore nella riunione di Idv del 12/9 (non ero presente e già questo è sintomo dello stile e della serietà).
Diceva Craxi: “Spadolini soffre. Ma con l’apostrofo”. Ecco, secondo me, la sig.ra Spinosa s’offre. In continuazione e per qualsiasi posto. Perché delle due, l’una: o abbiamo di fronte una conoscitrice erga omnes dei problemi del Piemonte o, il fatto che sia stata assessore a San Benigno canavese, a venaria reale e consigliere regionale (come si evince dal curriculum sul sito del comune di Torino. Scarso a dire il vero di titoli scolastici e accademici e pieno di posti occupati, tutti di nomina, ivi compresa l’elezione in regione nel listino, e mai per il responso delle urne con preferenze), rivela una propensione endemica a fare incetta di posti da qualsiasi parte provengano.
D’altra parte è ormai Storia il fatto che occupi il posto in giunta solo ed esclusivamente per una questione di genere, perché donna. Quando infatti si è vagliata la reale consistenza, le sono state assegnate delle deleghe (senza nulla togliere alle pari opportunità) che di certo non si possono considerare strategiche e di peso e comunque molto al di sotto delle aspettative di Idv.
Da ciò ne consegue inevitabilmente che abbia una concezione distorta del merito. Da questo l’ardita affermazione e l’audace comparazione, fra me e altri soggetti, nella riunione del 12/9. Per quel che mi riguarda posso solo dire che non solo il mio impegno nel partito non è nemmeno lontanamente confrontabile con l’impegno della Sig.ra Spinosa stessa, ma non è confrontabile nemmeno con l’impegno profuso(nelle attività del partito, si intende) dalla Sig.ra Spinosa, più i quattro staffisti da lei nominati messi assieme (della quale non conosco l’operato istituzionale in assessorato e quindi non lo giudico, per ora). Anche questa è Storia e sono pronto al confronto, potendo affermare con giustezza di essere stato dal 2008 a fine 2010, impegnato senza soluzione di continuità nelle attività del partito: dalle campagne referendarie, alle tre tornate elettorali (2008- 2009- 2010), passando per congressi, manifestazioni e appuntamenti anche nazionali.
Poi è chiaro che la gestione locale del partito mi ha annichilito. Ma quello che è peggio, e per la quale la Segretaria Provinciale di Idv sig.ra Spinosa non fa nessuna autocritica e nessuna analisi, è che a non poterne più è l

Mauro Delucis 2011-08-31 12:01:57

Non è vero che queste lettere non ricevono risposta... io mi sono visto recapitare una lettera in cui mi si minacciava una richiesta di danni per 20000 (VENTIMILA!) euro.

Leo Diritto 2011-08-29 11:16:42

Caro Leandro,
massima stima per come hai denunciato quanto di grave è accaduto e sta accadendo.

E' una storia già vista che si è ripetuta si ripete e si ripeterà, salvo che Antonio Di Pietro, persona che quando vuole sa agire e anche bene, non decida che è arrivato il momento di interrompere questo tipo, non di familismo giustificato da impegni presi sul territorio, come ha fatto bene e fa il figlio Cristiano, ma quello più becero in barba di chi da anni si prodiga per il partito e rimane sempre dietro a signori nessuno che grazie ad improvvise ascese diventano "dei" ma solo, per fortuna, nella loro piccola fattoria.
Occorre perdere i personaggi che "piazzano" i soliti noti e tenere chi vale e chi giornalmente si impegna,
senza avere santi in "paradiso". I nomi: basta chiedere ai politici locali di altri partiti, per non avere sospetti di accondiscendenze ...
Si può fare...basta volerlo!!

Cleo 2011-08-29 10:13:39

L'ennesima lettera, alla quale non seguirà nessuna risposta. Faccia pure la querela.

Questo è un partito da lasciare, perché è solo promotore di valori ostentati.

 

Inserisci commento
Nome e cognome
Email (facoltativa)
Ripeti codice
Commento
Caratteri rimanenti: 3000

 


Bacheca
"ORLANDO NON SLOGGIA DALLA CAMERA" LA LETTERA DI PROTESTA DI VATINNO, IL SUO SUCCESSORE, USCITO DALL'IDV.
SONIA ALFANO NON E' PIU' UN'EUROPARLAMENTARE DEL'IDV.
IDV REGGIO. I PADRONI DEL PARTITO RIFIUTANO LE ISCRIZIONI DELLA SOCIETA' CIVILE E CHIEDONO RISARCIMENTI A MATTEO RIVA.
"LA MIA SQUALLIDA, NAUSEANTE, MORTIFICANTE ESPERIENZA IN IDV"


Rassegna stampa
BLOG. "CASALEGGIO-GRILLO, LA POLITICA COME GIOCO DI RUOLO, A LORO DELLA DEMOCRAZIA NON IMPORTA NULLA".
SONDAGGI. M5S PROMOSSI PER GUIDARE LE CITTA' MA NON IL PAESE. IL PD PRIMO PARTITO 27,56%.
SINDACO DIMEZZATO. PIZZAROTTI (PARMA) SI PIEGA A GRILLO: "TAVOLAZZI NON SARA' DIRETTORE GENERALE"
GRILLO: "SARDI, CACCIATE GLI INVASORI"... GRILLO PER PRIMO !!
SONIA ALFANO (Europarlamentare): "A ME L'IDV HA PREFERITO CHI INCONTRA I BOSS".

Fedeli alla linea

 

Il Tribuno - Libro di Alberico Giostra

Il Tribuno   Home | Politica | Politica locale | Editoriali | Interviste | Contact | Leggi e codici | Dizionario sinonimi | Ricette | News | Commenti | P.IVA: ftcrfl65m69f839j