Il Tribuno
Fondatore: Alberico Giostra RSS Feed
"Il nostro Presidente non vuole dei leccapiedi. Ciò che vogliamo sono uomini indipendenti e integri che, una volta che avremo preso le nostre decisioni, concorderanno con ognuna di esse". Joseph Heller, "Gold" (1979)
 
News by Dire
15 Aprile 2011
SAVONA. L'IDV CANDIDA COME CAPOLISTA ROSARIO TUVE' CHE HA PATTEGGIATO UNA CONDANNA PER FIRME ELETTORALI FALSE.
NOTO PER LE SUE GAFFE (CELEBRE E' RIMASTA QUELLA SU GUIDO ROSSA) IL LEADER LOCALE IDV, ASSESSORE USCENTE AI LAVORI PUBBLICI, E' STATO PRESENTATO NONOSTANTE QUEL PROBLEMINO ALLE SPALLE. BAZZECOLE. IL FRATELLO, GEOMETRA DEL COMUNE, E' INVECE INDAGATO PERCHE' HA PROGETTATO UNA CASA, SECONDO I MAGISTRATI, ABUSIVA.
A far discutere il partito è invece la candidatura di Christian Bagozzi che non è nemmeno di Savona, bensì di Finale Ligure. Non lo conosce nessuno ma ha già invaso i muri della città con la sua faccia. Il suo sponsor? Una che di campagne elettorali "hollywoodiane" s'intende: Marilyn Fusco. A proposito di quest'ultima, l'europarlamentare Gianni Vattimo ha respinto l'invito dell'Idv savonese ad una manifestazione prevista per il 28 aprile su Resistenza e Costituzione: non voleva avere a che fare con la bella vicepresidente della regione Liguria.
A Savona si vota per il rinnovo del consiglio comunale e per il nuovo sindaco e l'Idv presenta come capolista il suo coordinatore provinciale, Rosario Tuvè. Ex Psdi, Rinnovamento Italiano e Margherita, Tuvè viene candidato nonostante abbia patteggiato una condanna per firme elettorali irregolari. Ed è strano perchè per lo stesso motivo Tuvè non fu candidato alle regionali del 2010. Ancora una conferma di come nell'Idv le regole vengano applicate sempre in modo molto discrezionale e capriccioso. Per la cronaca il fratello di Tuvè, Gianfranco, un geometra che lavora part time al Comune di Savona, è indagato per abusivismo edilizio. Secondo l'accusa ha firmato il progetto per una villetta sorta dove prima c'era un capannone agricolo. 

Rosario Tuvè è ricordato soprattutto per una gaffe. Nel dicembre del 2009, quando seppe che una piazza della nuova darsena dove lui doveva andare ad abitare si sarebbe chiamata "Piazza Rossa", in onore del sindacalista ucciso dalle Br, chiese che fosse intitolata piuttosto a Luigi Calabresi, perchè disse, "sono anticomunista e non mi va di vivere in una piazza rossa". Per rimediare dovette intervenire un furibondo Di Pietro che scrisse alla figlia di Rossa, parlamentare del Pd, che poi sbattè il telefono in faccia all'allora assessore ai lavori pubblici del comune di Savona. 

Un altra gaffe di Tuvè, secondo Mario Molinari di Savona News, è stata la sua contrarietà al rimborso di 1000 euro del Comune alla Onlus, "Uniti per la salute" che aveva organizzato un convegno sui possibili danni alla salute della discussa centrale a carbone. Il dibattito sull'ampliamento di quest'ultima vede peraltro spaccato l'Idv, con metà partito a favore e metà contro. 
 
C'è poi il caso Christian Bagozzi. E' il numero quattro in lista ma ha una particolarità: non è di Savona, è di Finale Ligure e a Savona non lo conosce nessuno. Perchè candidarlo allora? Perchè così ha voluto la zarina dipietrista del posto, Marylin Fusco, "la pupa del capo" che come si sa è di Borgio Verezzi. Il motivo di tanta simpatia? Non si sa. Quello che è certo è che Bagozzi, classe '71, di professione immobiliarista, sta conducendo una campagna elettorale molto aggressiva e dispendiosa e per lui si è dovuto adoperare anche Franco De Simone, assessore provinciale e storico leader regionale Idv (con un lungo periodo fuori dal partito durante il quale è stato anche con "Italiani nel mondo" di De Gregorio) il quale ha stretto un'intesa con un altro vecchio della politica savonese, Giorgio Balbo, l'ex seguace del socialista Alberto Teardo, dominus della tangentopoli ligure. Balbo, prima di passare all'Udeur, è stato tra i fondatori dell'Idv a San Sepolcro. Ora dovrebbe dare il suo appoggio elettorale a Bagozzi. Insomma i vertici regionali del partito vogliono a tutti i costi l'elezione del giovane immobiliarista. 

Chi invece non ne vuol sapere della splendida Marilyn è Gianni Vattimo. L'europarlamentare dell'Idv, uno dei reduci della illusoria stagione dell'apertura alla società civile, ha detto papale-papale che non ha nessuna intenzione di partecipare alla manifestazione savonese del 28 aprile su Resistenza e Costituzione cui era stato invitato perchè non avrebbe gradito di sedere a fianco della vicepresidente della Regione Liguria. Una conferma che nell'Idv qualche problemino tra le varie anime del partito in fondo esiste. 

L'altro fatto significativo è il sostegno che i gay di Savona stanno dando all'Idv. Nonostante l'ostilità di vecchi dirigenti come Vincenzo Catalano, Tuvè, spinto da una pasionaria dipietrista del posto, Vincenzina Ascanio, ha deciso di sponsorizzare la concessione da parte del Comune del congiungimento familiare e dello stato di famiglia unico ad una coppia di gay, Francesco Zanardi e Manuel Incorvaia, molto attivi sul fronte delle rivendicazioni dei diritti degli omosessuali. La sorella di quest'ultimo, non a caso, è una delle candidate dell'Idv. A convincere Tuvè però pare non siano stati motivi etici o ideologici, ma mere opportunità elettorali. La comunità gay di Savona ammonta a ben 900 persone, e si tratta peraltro di voti da strappare a temibili concorrenti a sinistra come Sel e i Verdi.  

Per il resto bisogna far notare che su 32 candidati, 18 dei quali sponsorizzati dal consigliere regionale Idv Stefano Quaini, c'è di tutto. Dal medico che ha già detto che fa politica solo perchè vuole diventare primario, al poliziotto e al vigile del fuoco, dal rappresentante dei piccoli proprietari immobiliari, al figlio di un esponente Idv che non si è potuto candidare perchè ha malmenato Vincenzina Ascanio che lo ha denunciato sia penalmente che civilmente. E naturalmente non poteva mancare il solito caso della madre e della figlia candidate insieme. Insomma, Idv di tutto, di più. A Savona i dipietristi sanno essere contemporaneamente anticomunisti e sponsor dei diritti dei gay, a favore dell'ambiente e della salute dei cittadini e anche dell'ampliamento della centrale a carbone. Un partito moderno e pronto a tutto. Perchè meravigliarsi allora se fino al 2009 sono state tesserate nell'Idv di Savona intere famiglie di rom? Non per far numero naturalmente, non pensate male, era perchè Tuvè e gli altri volevano in perfetta buona fede favorire l'integrazione dei nomadi.... 
















Avvertenza. Tutti i commenti inviati consentono di risalire all'autore, pertanto chi utilizza questo spazio si assumerà la piena responsabilità civile e penale delle proprie affermazioni.
Commenti
vicenzina ascanio 2011-04-16 13:50:00

solo le cose poi vere si sannooooooooooooo

 

Inserisci commento
Nome e cognome
Email (facoltativa)
Ripeti codice
Commento
Caratteri rimanenti: 3000

 


Bacheca
"ORLANDO NON SLOGGIA DALLA CAMERA" LA LETTERA DI PROTESTA DI VATINNO, IL SUO SUCCESSORE, USCITO DALL'IDV.
SONIA ALFANO NON E' PIU' UN'EUROPARLAMENTARE DEL'IDV.
IDV REGGIO. I PADRONI DEL PARTITO RIFIUTANO LE ISCRIZIONI DELLA SOCIETA' CIVILE E CHIEDONO RISARCIMENTI A MATTEO RIVA.
"LA MIA SQUALLIDA, NAUSEANTE, MORTIFICANTE ESPERIENZA IN IDV"


Rassegna stampa
BLOG. "CASALEGGIO-GRILLO, LA POLITICA COME GIOCO DI RUOLO, A LORO DELLA DEMOCRAZIA NON IMPORTA NULLA".
SONDAGGI. M5S PROMOSSI PER GUIDARE LE CITTA' MA NON IL PAESE. IL PD PRIMO PARTITO 27,56%.
SINDACO DIMEZZATO. PIZZAROTTI (PARMA) SI PIEGA A GRILLO: "TAVOLAZZI NON SARA' DIRETTORE GENERALE"
GRILLO: "SARDI, CACCIATE GLI INVASORI"... GRILLO PER PRIMO !!
SONIA ALFANO (Europarlamentare): "A ME L'IDV HA PREFERITO CHI INCONTRA I BOSS".

Fedeli alla linea

 

Il Tribuno - Libro di Alberico Giostra

Il Tribuno   Home | Politica | Politica locale | Editoriali | Interviste | Contact | Leggi e codici | Dizionario sinonimi | Ricette | News | Commenti | P.IVA: ftcrfl65m69f839j