Il Tribuno
Fondatore: Alberico Giostra RSS Feed
"Il nostro Presidente non vuole dei leccapiedi. Ciò che vogliamo sono uomini indipendenti e integri che, una volta che avremo preso le nostre decisioni, concorderanno con ognuna di esse". Joseph Heller, "Gold" (1979)
 
News by Dire
09 Gennaio 2011
IL RICHIAMO DELLA FORESTA. FAVIA ANNUNCIA CHE VOTERA' CON IL CENTRODESTRA CONTRO LA GIUNTA DI CENTROSINISTRA DI ANCONA.
PER IL DEPUTATO MARCHIGIANO, EX FORZA ITALIA E UDEUR, E' UN RITORNO A CASA. L'IDV VOTERA' A FAVORE DELLA MOZIONE DI SFIDUCIA DEL PDL CONTRO L'ASSESSORE BORGOGNONI RITENUTO RESPONSABILE DEL CAOS IN CUI E' PIOMBATO IL CAPOLUOGO MARCHIGIANO DURANTE LA NEVICATA DI DICEMBRE. MA IN QUEI GIORNI BORGOGNONI ERA ASSENTE E LO SOSTITUIVA L'ASSESSORE PESARESI CHE E' DELL'IDV.
Favia metterà a disposizione del centrodestra i voti dei sei consiglieri dell'Idv. In realtà lui parla di cinque voti perchè non vuole contare quello di Serenella Moroder, a lui ostile ma ancora nel partito e soprattutto assessore regionale in carica. Un caso di espulsione virtuale. L'Idv da quando si è insediata la giunta comunale retta dal sindaco Gramillano provoca continue crisi e non pare che lo faccia per motivi ideali o per governare meglio la città. I suoi voti sono comunque determinanti, (la maggioranza ora può contare su 24 voti) per cui il Pd sta pensando di aprire all'Udc, con il consenso di S.e L. proprio per neutralizzare il ruolo destabilizzante di Favia.
Il richiamo della foresta. E' quello che sta subendo in questi giorni il leader dell'Idv marchigiano, Davide Favia, fondatore e per anni magna pars di Forza Italia nella sua regione, che ha annunciato che il 24 gennaio voterà con i suoi ex amici dell'opposizione di centrodestra la mozione di sfiducia all'assessore del comune di Ancona, Fabio Borgognoni. Secondo il Pdl l'esponente socialista è colpevole di aver fatto andare in tilt il capoluogo marchigiano durante la nevicata del 16 e 17 dicembre scorsi. E secondo Favia il Pdl non ha evidentemente tutti i torti. Peccato che i dipietristi locali trascurino un particolare non del tutto secondario: a gestire l'emergenza in quei giorni non è stato Borgognoni che era assente dalla città per impegni istituzionali, bensì l'assessore ai lavori pubblici e vicesindaco, Carlo Pesaresi, che è dell'Idv. Pesaresi è diventato titolare anche alle manutenzioni, al centro storico e alle frane con l'ultimo rimpasto che la precaria giunta Gramillano ha subito nell'agosto 2010. Rimpasto che ha fruttato all'Idv anche il secondo assessorato affidato al medico Aldo Pirani, che ha ottenuto la delega al Welfare. Per cui votare quella mozione assomiglia ad un singolare gesto autolesionistico di chiaro stampo "tafazziano", una pratica peraltro assai diffusa di questi tempi nell'Idv a cominciare dal leader nazionale Di Pietro.  

Ma tant'è, a Favia non importa nulla e va dritto per la sua strada. Il punto è sapere qual è questa strada. Finora è stata quella della continua destabilizzazione. Da quando si è insediata la giunta di centrosinistra di Ancona, era il giugno 2009, il leader dei dipietristi locali tiene sulla corda il sindaco Fiorello Gramillano con un asfissiante pressing e con continue minacce di crisi. Una strategia che evidentemente paga perchè l'ex leader regionale dell'Udeur (Favia dopo essere stato un berlusconiano è stato anche un mastelliano) dai tre consiglieri inizialmente eletti se ne ritrova ben sei avendone nel frattempo cooptati tre, due dal Pdci, Andrea Filippini e Bruno Brandoni e uno dal Pd, Serenella Moroder. Il legame dell'Idv con il Pd è in questo senso molto radicato. Anche l'assessore Pirani e il consigliere eletto Daniele Micheli, provengono entrambi dal Pd. E la cosa più sconcertante è che David Favia è stato l'esponente politico che ha firmato per primo la candidatura di Fiorello Gramillano alle primarie del centrosinistra per la scelta del candidato sindaco. E allora come si spiegano tanti colpi bassi? Secondo alcuni giornalisti locali, Favia vuole tenere sulla corda Gramillano perchè aspira a mettere le mani sulla poltrona più importante della Fondazione teatro delle Muse alla quale mira sin dal settembre 2009 quando inaugurò la prima crisi di maggioranza. E' lì, rivelano fonti locali, che vorrebbe piazzare una sua "fedelissima", Paola Giorgi, sua ex segretaria nonchè coordinatrice donne regionale dell'Idv e consigliere regionale. La Giorgi infatti di professione fa l'attrice e ha competenze nel settore dello spettacolo. Una richiesta, quella di Favia, che sarebbe dunque tecnicamente motivata. Peccato solo che per realizzare i suoi disegni ci siano di mezzo gli alleati cui invitabilmente bisogna concedere ogni tanto qualcosa, (ma nel caso di Favia solo ogni tanto) e anche i compagni di partito. A cercare di frenare lo slancio contro il centrosinistra del leader dell'Idv marchigiano c'è Serenella Moroder, l'assessore regionale ex Pd che da tempo Favia sta cercando di buttare fuori dal partito senza riuscirci. La Moroder non è affatto d'accordo con la strategia anti Pd di Favia e non è affatto certo che voterà a favore della mozione anti Borgognoni. Per decidere cosa fare attende la riunione dell'esecutivo regionale del partito che Favia ha convocato per lunedì 10 gennaio in concomitanza con la riunione di maggioranza indetta dal sindaco Gramillano. Perchè questa concomitanza? Forse per evitare che la Moroder partecipi all'esecutivo? La cosa non meraviglierebbe: Favia ha già dichiarato che il sindaco Gramillano sul caso Borgognoni può contare sul voto contrario dei cinque consiglieri dell'Idv. Cinque appunto e non sei. Favia la Moroder non la conta nemmeno. Nonostante sia assessore regionale in carica e regolarmente iscritta, per lui è fuori dal partito. 




























Avvertenza. Tutti i commenti inviati consentono di risalire all'autore, pertanto chi utilizza questo spazio si assumerà la piena responsabilità civile e penale delle proprie affermazioni.
Commenti
Claudia 2011-01-10 15:12:34

MA PERCHE' HANNO TUTTI QUELLA BRUTTA FACCIA??????

Mirco Marchetti 2011-01-10 10:28:08

@Giovanni Vinci: Forse sono solo un illuso, ma voglio tentare di far qualcosa. Per il resto mi sono munito di una scorta di mollette per il naso...

Giovanni Vinci x Italia dei veri valori Padova 2011-01-10 10:14:25

Mirco, potrebbe essere corretta la tua valutazione sulla Moroder, però - se sei intelligente - dovresti tirarti fuori dall'elemento di questa foto: http://www.facebook.com/photo.php?fbid=120948614641068&set=o.65179468464

Mirco Marchetti 2011-01-10 09:26:36

@mattia lonigro: Io difendo il partito e scrivo con cognizione di causa di quel che so. Ho detto qualcosa di non vero forse? Tu difendi rendite di posizione, cerchi lo scontro e non argomenti nulla. Hai la stessa funzione di un semaforo.

mattia lonigro 2011-01-10 04:06:49

hai ragione Vinci, se non altro la Moroder evita di stare nello stesso partito con questo grafomane di Marchetti, quello della presunta sinistra dei valori che difende il berlusconiano favia.

Mirco Marchetti 2011-01-10 02:27:37

Dai...è uscita dal PD qualche mese fa accompagnata da una lettera sdegnata del gruppo giovanile del PD! Ed è stato Favia ad aver concordato, con Spacca, il suo assessorato, qualche mese fa. Io non ne farei un martire.

Giovanni Vinci x Italia dei veri valori Padova 2011-01-10 00:36:35

NON CAPISCO COSA ASPETTA LA MORODER AD ANDARSENE DA UN SIMILE "PARTITO" IN DECOMPOSIZIONE MORALE.

 

Inserisci commento
Nome e cognome
Email (facoltativa)
Ripeti codice
Commento
Caratteri rimanenti: 3000

 


Bacheca
"ORLANDO NON SLOGGIA DALLA CAMERA" LA LETTERA DI PROTESTA DI VATINNO, IL SUO SUCCESSORE, USCITO DALL'IDV.
SONIA ALFANO NON E' PIU' UN'EUROPARLAMENTARE DEL'IDV.
IDV REGGIO. I PADRONI DEL PARTITO RIFIUTANO LE ISCRIZIONI DELLA SOCIETA' CIVILE E CHIEDONO RISARCIMENTI A MATTEO RIVA.
"LA MIA SQUALLIDA, NAUSEANTE, MORTIFICANTE ESPERIENZA IN IDV"


Rassegna stampa
BLOG. "CASALEGGIO-GRILLO, LA POLITICA COME GIOCO DI RUOLO, A LORO DELLA DEMOCRAZIA NON IMPORTA NULLA".
SONDAGGI. M5S PROMOSSI PER GUIDARE LE CITTA' MA NON IL PAESE. IL PD PRIMO PARTITO 27,56%.
SINDACO DIMEZZATO. PIZZAROTTI (PARMA) SI PIEGA A GRILLO: "TAVOLAZZI NON SARA' DIRETTORE GENERALE"
GRILLO: "SARDI, CACCIATE GLI INVASORI"... GRILLO PER PRIMO !!
SONIA ALFANO (Europarlamentare): "A ME L'IDV HA PREFERITO CHI INCONTRA I BOSS".

Fedeli alla linea

 

Il Tribuno - Libro di Alberico Giostra

Il Tribuno   Home | Politica | Politica locale | Editoriali | Interviste | Contact | Leggi e codici | Dizionario sinonimi | Ricette | News | Commenti | P.IVA: ftcrfl65m69f839j