Il Tribuno
Fondatore: Alberico Giostra RSS Feed
"Il nostro Presidente non vuole dei leccapiedi. Ciò che vogliamo sono uomini indipendenti e integri che, una volta che avremo preso le nostre decisioni, concorderanno con ognuna di esse". Joseph Heller, "Gold" (1979)
 
News by Dire
La Redazione 30 Dicembre 2010
"LASCIO IDV PERCHE' NON CI SONO QUEI VALORI CHE MI ASPETTAVO DI TROVARE". LUCA GAROFALO, 17 ANNI, SCRIVE A DI PIETRO.
PUBBLICHIAMO LA BELLA LETTERA DI DIMISSIONI DEL RESPONSABILE GIOVANI DI CAMPOBASSO. LUCA CONTESTA A DI PIETRO LA GESTIONE VERTICISTICA, LA COOPTAZIONE DEI TANTI MASTELLIANI, LA MANIPOLAZIONE DEL POPOLO VIOLA E SOPRATTUTTO LA DEGENERAZIONE DI UN PARTITO DOVE PROSPERANO YES MEN CHE PENSANO SOLO AI PROPRI INTERESSI.
Questa lettera è la straordinaria testimonianza della sensibilità democratica di un giovanissimo che sa usare i congiuntivi meglio del leader dell'Idv. Un documento che dovrebbe far riflettere tutto lo stato maggiore del partito e anche chi si continua a illudere, come De Magistris, di poter cambiare dall'interno un organismo che Di Pietro non consentirà mai a nessuna di poter cambiare contro la sua volontà. Ricordate le dichiarazioni di appena un anno fa quando l'ex pm parlava di "facce nuove" e di partito che si apriva alla società civile? Adesso le facce nuove lo stanno abbandonando.

Lascio l’Italia dei Valori perché non ci sono i valori che mi aspettavo di trovare in questo partito, perché le promesse fatte dal leader Antonio Di Pietro sono state disattese, perché sono di Sinistra. Lascio questo partito perché le critiche e i dissensi divengono, contrariamente a quanto auspica Leoluca Orlando, argomento e pretesto per dar vita a fatti organizzativi, cristallizzati in appartenenze.

Dimettendomi dall’incarico di coordinatore giovani di Campobasso e responsabile scuola della Giovanile molisana, voglio restare a disposizione del coordinamento giovanile del centro-sinistra molisano.

Affinché tutti possano capire i motivi che mi hanno portato a questa pensata e sofferta scelta, credo che sia giusto che ne esterni qualcuno.

Leggendo l’articolo su Paolo Flores D’Arcais sul blog del presidente Antonio Di Pietro, ho avuto l’ennesima conferma come il partito sia in mano ai colonnelli e agli yes-men, parte che si è convenientemente schierata in modo acritico, fideistico ed interessato  verso un inamovibile "status quo" dal quale hanno tutto da guadagnare. Il Presidente, quasi esautorato, è talmente ossessionato dai media che attacca chiunque critichi la gestione verticistica del partito. Non sono polemiche generalizzate, come accusa Di Pietro, ma critiche oggettive con nomi e cognomi, e il fatto che dica che sono strumentalizzazioni credo sia ingiusto e irrispettoso. E ingiusti e irrispettosi sono anche i messaggi inviati ai militanti che chiedono ipocritamente di sostenere una grande falsità, non rendendosi conto che stando in questa palude il partito continua a sprofondare. La questione morale dell’Italia dei Valori, invece, è enorme e radicale: il tumore è in metastasi. Questo partito ha segnato la propria rovina il giorno in cui si cominciò a utilizzare quello che Eduardo Rina, l’ex responsabile nazionale enti locali, ha chiamato “metodo Formisano”: si sono sistematicamente cooptati i rappresentanti di altri partiti, prevalentemente ex udeur ed ex dc, che basavano e basano la propria forza politica sulle tessere e sui pacchetti di voti, liberandosi di coloro che onestamente e disinteressatamente avevano donato energie e tempo a questo partito.

 Presidente Di Pietro, ha fatto il gravissimo errore di scambiare il pragmatismo per visione politica; non è un caso, se dopo l’8% delle Europee, l’IdV è sceso notevolmente secondo i sondaggi.

Non deve poi sorprendersi se i Razzi, gli Scilipoti e i Porfidia ( indagato per estorsione aggravata da favoreggiamento della camorra) finiscono nel parlamento e votano la fiducia al governo Berlusconi, e nemmeno se, a differenza di Massimo Romano, Nicandro Ottaviano non abbia fatto nemmeno un comunicato stampa a nome del partito o si sia speso per una qualsiasi iniziativa.

Ha detto più volte che ha bisogno di aiuto nello scegliere i candidati: perché non ha accettato la proposta di De Magistris di costituire una commissione che giudicasse i candidati?

Perché sono stati falsati molti congressi, nonché quello nazionale, nei quali si proponevano regole che potevano rendere il partito migliore?

Forse la verità è che quello superbo non è stato Paolo Flores D’Arcais, ma lei che, con modi autoritari, fa scelte incontestabili e senza ascoltare la base del partito. Un esempio eclatante è l’appoggio del federalismo demaniale.

Il non appoggiare il referendum sull’acqua del Forum per l’acqua, la strumentalizzazione fatta a spese del popolo viola e varie altre vicende rendono poi l’IDV tutt’altro vicino alla società civile, tant’è che Salvatore Borsellino, al quale fa riferimento il movimento delle agende rosse, ha ultimamente detto che Di Pietro ha tradito i valori di cui parla, dicendo che il partito è in mano “ a politicanti espressione del peggio della vecchia politica”.

“Non ho paura del Berlusconi in se, ma del Berlusconi in me”. Così diceva Giorgio Gaber indicando perfettamente cosa rende Berlusconi un personaggio di successo: un uomo che maschera la sua debolezza…..

Luca Garofalo





La Redazione

Avvertenza. Tutti i commenti inviati consentono di risalire all'autore, pertanto chi utilizza questo spazio si assumerà la piena responsabilità civile e penale delle proprie affermazioni.
Commenti
Priamo Priapo 2011-01-22 16:36:09

@ Iscritto Lombardo

Ammazza quanto rosichi...devi essere garofalo sotto un altro nome!!!

Claudio Battaglia 2011-01-10 12:44:29

@Francesco Speranza.

Ho spiegato il mio commento (ironico) anche in seguito, in risposta a Mirco Marchetti quattro commenti più in basso.

Francesco Speranza 2011-01-10 11:02:42

Fanno tutti schifo perchè avete verificato di persona oppure vi fidate solo di quanto vi dicono? Di persone equivoche in politica, come in tutto il resto, ce ne sono e ce ne saranno sempre sta a chi le conosce e ne conosce la storia evitarle. Io non cederò mai a queste persone e le contrasterò con tutte le mie energie e, soprattutto, non gli permetterò, assumendo un atteggiamento passivo, di governare il mio Paese. Siamo in democrazia! Si tirino fuori gli attributi e la si smetta di piangersi addosso. Questo Paese è dominato dai "poteri forti" perchè la maggior parte di noi sono sudditi nel loro DNA; chi non lo è lo dimostri e non solo a chiacchiere.

Alessandra Piva 2011-01-09 23:54:42

Caro Luca,
è più di un anno che ci sentiamo e sei arrivato anche tu al punto di non ritorno con IDV come tanti ormai troppi noi !
Spero che questo per te sia il punto di partenza per una politica fatta dalla BASE e per la BASE, con tutti quei cittadini che ancora trovano la forza e l'orgoglio di essere Italiani e di voler reagire a questo sistema !
Che i tuoi veri valori e i tuoi principi ti aiutino a scegliere la strada migliore e saper sempre distinguere la strada maestra dalle scorciatoie.
Con stima e ammirazione
Ale

Mirco Marchetti 2011-01-09 19:28:19

@Claudio Battagli: sostanzialmente condivido la sua affermazione finale. Anzi, affermo che quando sulla mia strada ho incontrato persone così, sono sempre riuscito a costruire qualcosa assieme a qualcuno.

Claudio Battaglia 2011-01-09 18:10:10

@Mirco Marchetti: era un commento ironico, l'imitazione degli effetti dell'ultima carta del berlusconismo, cioè il "così fan tutti, tanto vale...". Chiaramente sono convinto che ogni decimo di passo in avanti sia invece una grande conquista.

Mirco Marchetti 2011-01-09 12:52:40

@Claudio Battaglia

capisco lo scoramento, però quel "fanno tutti schifo", permettimi, non mi convince. Io direi, facciamo tutti schifo. Abbiamo ben rappresentate, anche in percentuale, i nostri vizi e le nostre virtù. In fin dei conti, un popolo di santi avrebbe in rappresentanza un parlamento di santi. Impariamo a guardarci ed a fare autocritica e, nel momento in cui pensassimo che le rappresentanze non ci rappresentano nella nostra essenza, beh..allora si torna a convenire con me quando affermo che, non serve a nulla cambiare le pedine che partecipano al gioco o il colore delle loro casacche, quanto invece occorre mutare le regole del gioco ad iniziare dal cambiare le regole delle modalità di ricerca del consenso.

Claudio Battaglia 2011-01-09 11:08:05

@ Vittorio Fabi

semplicemente non deve votare più nulla, tanto fanno tutti schifo allo stesso livello. Poi, non votare nulla significa automaticamente fidarsi della maggioranza degli italiani, che sicuramente ha giudizio. Massì, chi ce lo fa fare ad interessarci di politica? alla fine Berlusconi è il migliore e rappresenta noi italiani alla perfezione, ci pensa lui! comunque non cambierebbe nulla, parliamo d'altro piuttosto! (a scanso di equivoci, questo commento va palesemente letto in chiave ironica)

Vittorio Fabi 2011-01-08 19:09:50

E il PD no. E i Radicali no. E l'IDV no.
Ma che diavolo deve votare uno che vuole un Paese migliore?

Riccardo dall'Alberghi 2011-01-03 19:14:18

Caro Bimbo, si vede che sei giovane, sono deuso, non è come credevo, l'ha detto anche tizio. Quando qualcosa non ci piace si rimane e si combatte per cambiarla. Nemmeno in amor vince chi fugge!

Francesco Speranza 2011-01-03 17:57:32

Come al solito la discussione è condita da vuote polemiche che usano in modo strumentale l'argomento di partenza per far rilevare questioni personali cercando rivendicazioni che, nella sostanza, restano solo sulla carta.
Mi piacerebbe leggere proposte in grado di confrontarsi con quanto IDV è riuscita a fare e che dimostrino di saper far meglio; tutti siamo campioni a parole ma poi sono i fatti a smentirci.
Nei fatti! Chi è capace di far meglio dell'On. Antonio Di Pietro?

Iscritto Lombardo 2011-01-02 22:48:12

Questa e' tutta da ridere. Quindi per tale Priamo Priapo, Luca sarebbe nient'altro che un giovane arrampicatore.
Adesso vi elenco alcune cavolate lessicali (voglio essere diplomatico) sentite da qualche nostro dirigente lombardo quando si tratta di sparlare di chi non accetta il loro gioco (rende: non accetta di staccare la spina al cervello e cominciare a leccare):
- E solo uno che vuole fare casino
- E' solo un arrampicatore sociale (come difatti lo definisce Priamo)
- E' solo uno che ha sbagliato partito
- E' solo un grillino
- E' solo uno che non accetta di avere perso il congresso
- E' solo uno che se esce dal partito ci fa un favore (almeno qui sono sinceri)
- E' solo uno che tenta di sovvertire l'esito del congresso
- E' solo uno che parla, parla, parla e non fa nulla

Saluti a tutti.

Priamo Priapo 2011-01-02 16:54:23

Come vopòevasi dimostrare, il ragazzino non èneient'altro che un giovane arrampicatore!!!

W l'Italia dei VERI Valori 2011-01-02 03:37:28

Iscritto lombardo, perché non fai una lista di iscritti che hanno mangiato la foglia come Luca e contatti "Lombardia dei VERI Valori" su facebook?



P.S.
Ben detto Luca! Priamo Priapo è malizioso e lontano mille miglia dall'essere civile. Pensa come sarebbe triste un mondo di Priami Priapi, altro che migliore!?

Luca Garofalo 2011-01-02 00:27:44

*c'è gente

Luca Garofalo 2011-01-02 00:26:15

Me l'aspettavo che qualcuno, con un nickname, mi attaccasse.La cosa rafforza la mia denuncia, anche perchè non si commentano fatti oggettivi ma una persona che non si conosce minimamente...forse ad essere superbo non sono io.
Sono tesserato dall'ottobre del 2009...strano poi che il coordinatore dell'IDV Molise rispondesse in questo modo a un non iscritto http://www.primapaginamolise.it/detail.php?news_ID=38470&goback_link=index.php

Se tutti gli studenti, anche se con poco, si impegnassero politicamente credo che avremmo un mondo migliore....purtroppo che crede che uno studente debba solo studiare.

Buon anno!

Priamo Priapo 2011-01-01 21:16:34

Un moccioso di 17 anni (minorenne) tesserato in un partito politico che si mette a denunciare gli incuci???
uahahahahaha...ma a chi volete darla a bere!!!
Le cose sono due:
1- è una balla che lui fosse tesserato ( e mi pare anche grossa);
2- si era tesserato per cominciare a leccare culetti perchè è il classico ragazzetto con arie "uomo maturo di 17 anni" ma con un ego grande come l'everest ed afflitto da smanie di arrivismo!!!

Iscritto Lombardo 2010-12-31 20:16:23

Grazie per quello che hai fatto Luca. Probabilmente i vari colonnelli del partito non ti saluteranno neppure ma io voglio esprimerti tutta la mia simpatia.
Purtroppo molte cose non vanno in questo partito e molti altri iscritti qui in lombardia sono gia' vicini alla porta, pronti a lasciare il partito.
Si pensava che in quest'anno che ci lasciamo alle spalle i vari congressi potessero portare un po' di aria fresca ma, spiace dirlo, l'aria e' piu' viziata di prima.
Dove e' finita la mozione, regolarmente approvata al congresso nazionale, di Pancho Pardi che avrebbe dovuto garantire una migliore trasparenza e democrazia interna?
Perche' non e' stata fatta l'assemblea generale degli iscritti lombardi che il nostro Presidente si era impegnato ufficialmente a organizzare in risposta ad una mozione ufficiale e regolarmente approvata?
Perche' ci sono stati tanti, troppi, congressi provinciali in cui le regole sono state tirate come un elastico come faceva piu' comodo affinche' vincessero i soliti nomi (o nomi nuovi designati dai soliti nomi, tanto per buttare un po' di fumo negli occhi e non cambiare nulla).
Purtroppo mi devo chiedere: dov'era il nostro Presidente quando accadeva tutto questo? Sarebbe questo il partito che vuole cambiare l'Italia? Sarebbe questo il partito dice che bisogna rispettare le regole? Quali sono e dove sono i professati valori? Insomma, cosa vogliamo fare il prossimo anno? Andare avanti cosi' e magari scendere ancora nei sondaggi? No! Io dico che e' arrivato il momento di dire BASTA! E' arrivato il momento di dire ADESSO BISOGNA CAMBIARE SUL SERIO E SUBITO.
Concludo dicendo che da parte mia aspettero' le decisioni del prossimo esecutivo nazionale di meta' gennaio. Se da quell'incontro non dovesse uscire nulla di realmente migliorativo rispetto alla situazione odierna allora seguirò io pure la strada di Luca.
Buon 2011 a tutti.

Pippo Russo 2010-12-31 14:51:30

@Marco Busacca. Chiedendoti ancora scusa per lo scambio di cognome - ma sono sicuro che ci sono tanti Brusca persone per bene, come l'amico in questo dibattito - ;-) ritengo che tua abbia ragione in una cosa di non poco conto. Mai lasciare al tempo ciò che deve essere risolto con atti concreti e univoci nel loro significato. Specialmente quando si tratta di giovani, le risposte bisogna darle e subito, sennò i giovani se ne vanno, non reggono le mediazioni, i compromessi, il temporeggiare. Mai far finta che nulla sia accaduto quando, al contrario, le cose accadono e creano turbamento all'interno e sconcerto nell'opinione pubblica. Le ambiguità, le contraddizioni, le zone d'ombra vanno immediatamente eliminate. Ovviamente, qualcosa sfuggirà sempre, ma l'intenzione deve essere quella. Io, al contempo, ribadisco che occorre lottare dall'interno, se si vuol continuare a fare politica per l'affermazione dei valori in cui crediamo, perchè IdV rimane, fino a questo momento, pur con i suoi limiti, sufficientemente credibile rispetto ad altri soggetti politici. E' la mia opinione. Grazie comunque per la tua risposta serena e, tranquillo, le cose che ho detto di me sono solo un decimo, ci sono anche tanti errori, e sono vere. Un abbraccio e auguri di cuore.

Marco Busacca 2010-12-31 12:59:18

Caro Pippo Russo in linea di massima le tue posizioni potrebbero essere condivise purtroppo c'è un però, la dirigenza nazionale dell'IDV capirà i tuoi propositi?
Credo che ti vada dato merito delle tue iniziative di solidarietà e del rischio personale della tua vita, cosa grave, che dovrebbe essere importante per tutti indipendentemente dall'appartenenza politica o culturale. (Naturalmente mi fido di ciò che dici).
Questo partito con queste persone secondo me non sarà in grado di rinnovarsi e lo dico con ragion di causa, l'esperienza maturata da militante mi dice che sarà cosi.
Mi chiedo e ti chiedo cosa avrebbe potuto fare dall'interno un ragazzo giovane come Luca? Quali battaglie avrebbe potuto portare avanti quando sei lasciato solo o peggio indotto a lasciare il partito? Perché vedi, secondo il mio punto di vista di questo si tratta, un isolamento e un arrangiarsi che in quelle zone critiche per i motivi che conosciamo diventa quasi impossibile avere iniziative che possano dare indirizzi o motivazioni politiche.
Il vero dramma è questo la solitudine politica di chi credeva e quando ha cominciato ad avere dubbi, è messo da parte senza nemmeno che se ne renda conto e come quando la mafia isola il suo obiettivo, il paragone è un po' forte ma per spiegarmi meglio.
Resto dell'idea che chi ha veramente interesse in IDV e un interesse asettico senza avere niente in cambio deve uscirne e lasciare che gli eventuali mariuoli si scannino tra di loro.
Non pensi che una posizione forte e chiara di Di Pietro sarebbe stata opportuna anzi necessaria invece di criticare chi suggeriva una linea politica interna diversa?
Non credi che questo modo di comportarsi sia ambiguo e poco consono a un leader che ha voluto mettere la parola “valori” all’interno del simbolo?
Ps mi ai scambiato con un cognome poco consono alla mia vita personale, comunque ti scuso.

Pippo Russo 2010-12-31 12:57:44

@Mario. Condivido, caro Mario, condivido pienamente. Affettuosi auguri

Mario 2010-12-31 12:02:00

@PIPPO

cerco di spiegare meglio il concetto. Io non credo che esista o possa esistere un partito di santi.

Gli affaristi sono sempre in agguato e ci saranno sempre. Molti di questi possono anche manifestarsi a posteriori.

Per cui La questione morale NON sono loro.

Ma l'immobilismo del partito di fronte a queste persone. Il non decidere, Il non intervento, il non RECIDERE.

Non so se condividi, ma Questa a mio modesto avviso e' la questione morale.

Con l'occasione auguro buon anno a tutti, dico tutti.

Mario 2010-12-31 11:50:50

PIPPO

complimenti per la tua accorata risposta. Condivido e sto con te.

nel merito... "bisogna intervenire senza pieta'" come non darti ragione....???

Ma ti chiedo se il parito non interviene e lascia stare le cose cosi' (come presumibile) insabbia la testa su una cosa di una gravita' assoluta ...

questo atteggiamento

rafforza l'immagine del IDV o ne mina alle fondamenta la sua credibilita'???



Pippo Russo 2010-12-31 11:27:15

Chiedo scusa, intendevo Marco Busacca

Pippo Russo - Segretario provinciale IdV di Palermo 2010-12-31 11:18:18

@Mario, Emilia Romagna dei veri valori, Marco Brusca e Mattia Lonigro. A me piace il confronto pacato ma non per questo meno stringente e, se è il caso, acceso nei contenuti, conservando un grande rispetto per le opinioni altrui e mai uso sarcasmo o saccenza con le persone che quelle opinioni esprimono, soprattutto quando non li conosco personalmente. Voi non conoscete la mia storia, voi non sapete quanto ho pagato nella mia vita per le mie scelte, voi non sapete che io non provengo da esperienze di partito, che ho lottato contro la mafia a costo di rischi personali subendo una scorta blindatissima per 4 anni, gli anni terribili delle stragi di mafia, voi non sapete che per questo motivo non ho visto nascere mia figlia, voi non conoscete il mio dolore di fronte al cadavere di p.Pino Puglisi, mio amico, all'obitorio dell'ospedale, con quel foro sulla nuca che non dimenticherò mai, voi non sapete che ho fatto anni di volontariato, quello duro, con i poveri veri, che mi hanno consentito di incontrare per ben tre volte m.Teresa di Calcutta che con poche parole mi ha fatto capire tante cose. Voi non conoscete tantissime altre cose della mia lunga storia iniziata a 14anni quando, a scuola, religiosa, protestavo, da cattolico, contro la messa obbligatoria.Eppure, mi sento inadeguato, mi sento deluso, perchè nonostante abbia lottato, rischiato, amato la mia terra, la Sicilia, pianto accanto ai cadaveri di Falcone, Borsellino, p.Puglisi, oggi mi ritrovo con i cuffaro di sempre, con Lombardo che è peggio di Cuffaro. Forse ho fallito, forse non ho fatto abbastanza. Vorrei dare un messaggio di speraqnza ai miei figli. Ma riconosco di essere più distaccato, più disacantato. Cosa posso dire a Luca? Di trovare le condizioni possibili , gli strumenti più adeguati possibile per il suo impegno politico. L'ottimo non esiste. Siamo noi che dobbiamo rimanere coerenti e fare le nostre battaglie dall'interno. Diffido di coloro che innalzano tribunali. In politica se scappi il tuo posto non rimarrà vuoto, ma sarà occupato da qualcuno che raramente sarà migliore di te.I partiti sono uno strumento, uno strumento per affermare valori e per conseguire il bene comune. Quando un partito diviene fine esso stesso vuol dire che siamo alla degenerazione della politica. Italia dei Valori è uno strumento. Dove ci sono contraddizioni, non si fanno banche caro Mario, si deve intervenire immediatamente, senza pietà. Non bisogna imbarcare donne e uomini dal passato ambiguo, bisogna consentire la massima democrazia e il rispetto pieno degli iscritti, soprattutto di quelli che hanno iniziato la storia di Italia dei Valori. Io così sto operando a Palermo. Sono ormai un uomo con la valigia sempre in mano, soprattutto dopo un intervento di angioplastica di un anno fa. Con la valigia sempre in mano, pronto a ripartire, senza legarsi troppo a uomini e cose, ma senza rinnegare la propria passione per la giustizia e la solidarietà tra gli uomini. Io ancora una volta farò la mia p

Mario 2010-12-31 09:10:53

A PIPPO RUSSO.

vorrei tranquillizzarti caro PiPPO. "Parlare di questione morale

significa mortificare tutti gli iscritti che ci mettono la faccia."

Non credo proprio che gli iscritti si mortifichino. Chi invece vibra nelle poltrone sono

come dice bene Luca i colonnelli yes man mastelliani ecc....

Vorrei che mi rispondessi su una questione. Come giudichi il fatto che un deputato Idv gia' riciclato

nome e cognome Augusto Di Stanislao, anche, anche segretario provinciale di Teramo fondi una

BANCA. Hai capito bene fondi una Banca come quelle che Di Pietro ha sempre combattuto, come quelle

della Lega, come quella di Mediolanum di Berlusconi, come L'Unipol di Fassino ecc....

Forse e' che gli interessi usurai fanno gola anche a voi.

E' il vs silenzio assordante sulla vicenda la riprova.

Attendo tue osservazioni.

Mirco Marchetti 2010-12-31 02:28:46

Bravo Luca e bella risposta con Gaber, hai molto più stile ed intelligenza di molti. E probabilmente non hai bisogno, ne dei miei, ne dei consigli di 4 extracomunitari del pensiero che vivono senza permesso di soggiorno nei meandri della ragione, o della vera ragione che sia. Da qualunque parte tu risieda, combatti e segui le ragioni del tuo cuore. E' li che, sicuramente ci incontreremo. Hasta!

Fabio Longhi 2010-12-31 01:40:45

Quelli che parlano di cambiare IDV dal di dentro mi domando dove hanno vissuto negli ultimi 10 anni. O si sono svegliati adesso a ruota di De Magistris e dell'Italia dei veri valori?

Emilia romagna dei veri valori 2010-12-31 01:14:24

Bravo Luca,

la lungimiranza e la saggezza in un giovane è come la forza fisica e l'agilità in un anziano, hai tutto quello che ti serve per fare bene nella vita, non hai bisogno di volponi che ti sfruttino per qualche anno per poi buttarti via quando non servi più, se tu fossi meno intelligente potresti aspirare ad essere coordinatore provinciale di questo partito o di un partitaccio simile proprio come i vari Pippi, o Mirchi, se fossi ancora meno intelligente potresti addirittura creare un account fasullo come tanti Franceschi, ma tu di tutto questo non hai bisogno, sei un giovane intelligente e pieno di risorse ed hai bisogno di immaginare un buon futuro per te e per la tua generazione, un futuro ben migliore di quello che ti prospetta questa gente da 4 soldi senza ne idee ne ideali.

In bocca al lupo Luca

Antonio foti 2010-12-31 00:03:15

Se l'IdV non vuole implodere e crollare su se stesso deve cominciare a tutelare e proteggere la BASE del partito, troppo spesso lasciata in balia di gente senza scrupoli (vedi Scilipoti a Messina), ma soprattutto fornirle i mezzi essenziali per svolgere un minimo di attività politica. Parlo di sedi, almeno nei centri più importanti, di contribuire in parte alle compagne elettorali (i dirigenti si finanziano solo le proprie campagne), non capendo che la vera scommessa si gioca alle amministrative a livello comunale, perchè è li che si gestiscono gli interessi più importanti (mettendo uno di IdV all'interno di un consiglio comunale servirebbe da sentinella di legalità), investire sui giovani ma non solo con le scuole di formazione che sono belle ed interessanti, ma puntando su di loro a livello di elezioni a tutti i livelli, mettendo da parte i "vecchi carrozzoni della politica". Fino adesso tutto ciò non è avvenuto per niente. La base è stufa, chiede ossigeno, ma ne arriva veramente poco. BASTA PREDICARE BENE E RAZZOLARE MALE...L'Anti-Berlusconismo è un valore importante da non perdere di vista. Ma nei vari comuni ci sono tanti piccoli berlusconiani, da affrontare e per farlo ci vogliono anche gli strumenti. Essere presenti 365 giorni su 365, non solo nelle piazze ma all'interno del "rettangolo di gioco" dove si svolgono le vere partite della politica e del malaffare. Se tutto ciò non accadrà allora dall'alto vogliono che il partito rimanga al 4% solo per controllarlo e decidere loro i soggetti che andranno a rappresentarci. Beh evidente non è questa la via da seguire.Questo non significa intaccare la leadership di Di Pietro che ritengo assolutamente da salvaguardare.

Marco Busacca 2010-12-30 23:24:48

Spettabile Pippo Russo
Non faccia del moralismo gratuito, con le solite storielle (la propria faccia, il proprio tempo o il proprio denaro), lei pensa che questo ragazzino come tanti ex militanti non abbia messo a disposizione di questo partito tutto questo?
E chi si è sentito fregato dove lo mettiamo dopo averci messo la propria faccia?
Peggiore ancora per chi si è candidato portando la propria dignità e moralità nel partito in modo di farlo crescere lei che dice?
Che colpe vuole attribuire a un ragazzo 17settenne che ha appena messo il naso in mezzo a un covo di vipere?
E quando non sapete motivare o non siete d'accordo con atti fondamentali e coraggiosi come quelli di Luca, la colpa la attribuite a mister Berlusconi non pensa di essere ipocrita?
E tutte quelle contraddizioni e ambiguità che lei sostiene che ci siano nel partito, ci spieghi chi dovrebbe toglierle se non i dirigenti o il Presidente Di Pietro, non crede che Luca con il suo gesto abbia voluto fare un passetto proprio per aiutare gente come lei che parla tanto e che poi le ambiguità le cita, ma di concreto non fa niente?
Ha anche il coraggio di sostenere che non c’è QUESTIONI MORALI ....dopo quest’affermazione cosa si aspetta da Tonino forse una medaglia? L'ipocrisia non ha limiti !!!!
Auguri di Buon Anno

Luca Garofalo 2010-12-30 22:14:34

Vi rispondo con questa bellissima canzone di Gaber http://www.youtube.com/watch?v=nbdN1Vx8uJo
Grazie a tutti

mattia lonigro 2010-12-30 20:59:26

@pippo russo: Luca ha capito benissimo che il nemico è Berlusconi, ma, avendo visto da vicino l'orrenda realtà dell'Idv, ha capito che Di Pietro non è il peggior nemico di Berlusconi e si è stancato delle sue bugie. Che ne pensi Pippo del voto dell'Idv a favore del federalismo demaniale? Luca continuerà a combattere il berlusconismo da un'altra parte, in mezzo a gente onesta, senza i servi e i vigliacchi che abbondano nel partito del tiranno Di Pietro.

Pippo Russo - Segretario provinciale IdV di Palermo 2010-12-30 19:34:55

No caro Luca, non sono d'accordo. Pensare con la propria testa non vuol dire esprimere la posizione più radicale possibile nè, tanto meno, ricevere gli applausi di chi crede nelle esecuzioni sommarie. In questo momento molto delicato per la vita del nostro partito, dopo la sconcertante decisione di due ex nostri deputati di votare contro la sfiducia al governo Berlusconi, noi abbiamo bisogno di compattezza, di stare insieme e insieme decidere cosa è meglio perchè queste cose non accadano più. E se, in giro per il partito, ci sono contraddizioni e ambiguità, e ci sono, queste vanno rimosse con estrema determinazione e immediatamente, ma senza marcare confini tra chi è puro e chi lo è ancora di più. Il partito perfetto non esiste, però esistono partiti che si fondano sul concetto di mercato trasferito ad ogni cosa, che invocano a parole i principi cristiani e poi professano il peggiore paganesimo e la mercificazione della donna e partiti, come il nostro, che ha zone d'ombra da eliminare ma che, per la cultura positiva che l'ha ispirato, di rispetto della persona e dell'ambiente in cui vive, si pone come un punto di riferimento per chi crede ancora nella politica come servizio, nella solidarietà per chi non ha voce, nella giustizia. Dobbiamo pure avere consapevolezza delle espressioni che usiamo. Parlare di "questione morale" all'interno di IdV significa, oggettivamente, non solo scambiare le possibili inadeguatezze e gli errori commessi nella scelta di alcune candidature in sistema, come se tutti noi fossimo, in maggioranza, mafiosi, corruttori e corrotti, evasori e furbetti del quartierino, ma anche dare all'esterno un segnale che non ha nulla di costruttivo ma soltanto di divisione, quasi premessa di un abbandono. Significa mortificare tutti gli iscritti che ogni giorno ci mettono la faccia, tempo, soldi e sudore per affermare il primato degli interessi generali su quelli privati del più forte. Qualcuno dimentica che la nostra democrazia sta attraversando una fase tragica in cui sono a rischio le sue stesse fondamenta. Il nemico non è Di Pietro, nè tanto meno Italia dei Valori, il nemico è chi vuole distruggere la nostra democrazia e, soprattutto, la capacità di pensare e criticare dei nostri giovani e delle generazioni future. Deve essere chiaro che il danno che le sortite di alcuni stanno arrecando ad un partito come il nostro, che rimane uno dei pochi baluardi contro l'illegalità e il tentativo di trasformarci in una dittatura di fatto, è, oggettivamente, un aiuto che viene dato a Berlusconi che ha tutto l'interesse a che IdV venga spazzata via, colpita nella sua credibilità e moralità, insieme a Di Pietro e, alla fine, a tutti noi. Ne ha tutto l'interesse, non vede l'ora che qualcuno lo faccia per lui, visto che lui finora non c'è riuscito.
Io credo, invece, che quando qualcosa non funziona bisogna parlarsi di più, dentro le sedi opportune, dentro il partito, senza sollevare "questioni morali" che non esistono.
Buon

Francesco Speranza 2010-12-30 18:53:59

IDV è IDV; non è il popolo viola o le agende rosse e neppure il forum dell'acqua; IDV è un partito che ha le sue idee e che rispetta quelle altrui ed in alcuni casi le condivide e le sostiene ma non può e non deve essere confusa con altre identità.
Questo giovane ha confuso un suo stereotipo ritendendolo di interesse comune e logicamente ne è rimasto deludo in quanto non rispondeva alle sue legittime aspettative.
IDV non vuole fare rivoluzioni ma lavora per portare in porto un progetto politico che vuole un cambiamento radicale e lo vuole raggiungere con un lavoro che non deve creare sconvolgimenti o conflitti sociali ma deve far maturare e radicare l'idea che questo paese ha bisogno di cambiare le sue prospettive se vuole diventare uno dei protagonisti del III millennio. E' un lavoro difficile, tutto in salita e, purtroppo, anche al suo interno ha molti iscritti che non riescono a capirlo.

Marco Busacca 2010-12-30 17:59:16

Questo partito era la speranza di molti giovani, tanti si erano ritrovati in quei valori tanto decantati. E oggi ?
Che fine hanno fatto quei valori in cui tutti noi speravamo?
E leggere la delusione di un ragazzo giovanissimo come Luca è ancora più amaro il sapore del rinnovamento.
Un saluto a Luca dicendogli: Non mollare il vero cambiamento inizia da voi giovani.

Francesco Pata 2010-12-30 17:56:13

Per un attivista, come il sottoscritto: Leggere, la lettera di dimissione di un giovane come Luca"< Fà riflettere e allo stesso tempo ti rattrista.Da molto tempo, (tre anni) Do il mio contributo per la crescita di questo partito idv >> Già dal primo anno: ho capito che non rispecchiava le aspettative, diverse" dagli altri partiti. Nonostante, la delusione continuo a combattere. Non so fino a quando. In Piemonte non è diverso di altre realtà. Tu sei giovane e di quel poco che so sei bravo. Fonda un tuo circolo.Il paese Italia ha bisogno di giovani come te. ( continua a studiare. Ricordati che l'uomo vale tanto quanto sa. Se poi usa: il proprio sapere per autodistrugersi: Be a questo punto. Calza di proposito!! chi è causa del suo mal pianga se stesso. Visto il momento ti formulo i miei piu sinceri auguri di un sereno 2011) Francesco Pata < Uguaglianza e Libertà>

Mirco Marchetti 2010-12-30 17:39:54

Caro Luca, capisco lo scoramento di un giovane che si affaccia nell'agone politico sperando di trovare qualcosa che possa infondere speranza, ma poi rimane deluso da ciò che trova. Però permettimi un appunto. L'Italia dei Valori, cui pure io appartengo, si nutre dei nostri apporti e cresce nelle nostre speranze. Kurt Lewin, cui io mi ispiro anche nell'interpretare fatti di origine sociale diceva una sacrosanta verità al proposito, che ho già stracitato in questo contesto: si appartiene a qualcosa cui si da, non da cui si prende. Tu potevi essere un valore aggiunto ma te ne vai perché, tu affermi, di non averne trovati. Ma avresti dovuto portarli ed assieme ad altri farli fermentare nel segno di un'audacia e di uno spirito critico che deve caratterizzare l'essere giovane ancor più che volti nuovi o giovanili. Come avrai avuto modo di leggere, sia De Magistris che Sonia Alfano, rimangono in Italia Dei Valori per dar corpo ad un progetto di rinnovamento che va proprio in quella direzione. Aiutiamoli, aiutiamoci. Ognuno portando qualcosa di nostro e che dia forma e sostanza alla speranza. Detto questo e considerato il fatto che sono pochi i giovani della tua età dediti all'impegno politico-sociale, non voglio influenzare le tue scelte e auguro tu possa trovare spazio in anfratti vivibili in cui tu possa portare il tuo valore aggiunto. Io rimango a costruire un progetto in cui credevo e credo. E quel progetto si chiamava e si chiama Italia dei Valori, poiché la coerena non la indirizzo al sostenere delle persone o degli idoli, ma a delle idee ed è nella forza di esse che possiamo esprimere un desiderio di cambiamento e, sempre citando Lewin: SE vuoi veramente conoscere qualcosa, prova a cambiarla. Ciao e auguri per un creativo 2011

Anna R.G. Rivelli 2010-12-30 16:44:46

Ciao, Luca! Per quante volte abbiamo discusso di IdV, ti ho sempre sentito così limpido che ho sperato che il tempo potesse dare ragione a te. Adesso pare che non sia così, ma in fondo è nei ragazzi come te che sta tutta la speranza possibile. In bocca al lupo.

Eduardo Rina 2010-12-30 15:31:37

Ciao Luca!
L'intelligenza politica di questo ragazzo che aveva riposto le sue speranze nnel'IDV è un segnale di speranza per il futuro del nostro paese. Aver capito che i "gerarchi" che circondano Di Pietro sono degli yesmen che assecondano le politiche ottuse del Capo è, di per se, dimostrazione di intelligenza politica. A Luca auguro di impegnarsi comunque nel centrosinistra e di portare questi suoi nobili valori etici ad arricchire qualche progetto più credibile. Perchè questa IDV che in tanti abbandonano di "valori" ci sono solo quelli traducibili in euro sui loro c/c bancari.. Buona fortuna, caro Luca!

 

Inserisci commento
Nome e cognome
Email (facoltativa)
Ripeti codice
Commento
Caratteri rimanenti: 3000

 


Bacheca
"ORLANDO NON SLOGGIA DALLA CAMERA" LA LETTERA DI PROTESTA DI VATINNO, IL SUO SUCCESSORE, USCITO DALL'IDV.
SONIA ALFANO NON E' PIU' UN'EUROPARLAMENTARE DEL'IDV.
IDV REGGIO. I PADRONI DEL PARTITO RIFIUTANO LE ISCRIZIONI DELLA SOCIETA' CIVILE E CHIEDONO RISARCIMENTI A MATTEO RIVA.
"LA MIA SQUALLIDA, NAUSEANTE, MORTIFICANTE ESPERIENZA IN IDV"


Rassegna stampa
BLOG. "CASALEGGIO-GRILLO, LA POLITICA COME GIOCO DI RUOLO, A LORO DELLA DEMOCRAZIA NON IMPORTA NULLA".
SONDAGGI. M5S PROMOSSI PER GUIDARE LE CITTA' MA NON IL PAESE. IL PD PRIMO PARTITO 27,56%.
SINDACO DIMEZZATO. PIZZAROTTI (PARMA) SI PIEGA A GRILLO: "TAVOLAZZI NON SARA' DIRETTORE GENERALE"
GRILLO: "SARDI, CACCIATE GLI INVASORI"... GRILLO PER PRIMO !!
SONIA ALFANO (Europarlamentare): "A ME L'IDV HA PREFERITO CHI INCONTRA I BOSS".

Fedeli alla linea

 

Il Tribuno - Libro di Alberico Giostra

Il Tribuno   Home | Politica | Politica locale | Editoriali | Interviste | Contact | Leggi e codici | Dizionario sinonimi | Ricette | News | Commenti | P.IVA: ftcrfl65m69f839j